permesso e obbligo

L’altro giorno, parlando di vivere al limite, abbiamo visto che a volte il problema non è non riuscire a fare tutto ma capire quanto dovremmo fare veramente. Definire quel “tutto” che dovremmo fare. Perchè spesso il problema è che vorremmo fare più di quanto veramente dobbiamo o possiamo.

Abbiamo già parlato più volte del fatto che viviamo in una società che ci porta a pretendere sempre di più da noi stessi e dagli altri. La competizione può essere una buona cosa ma, si dice “non faccia vincere i migliori ma solo i meno sensibili“.

Chiederci sempre di più ci porta solo a rimanere sempre frustrati e insoddisfatti. La maggior parte di noi pensa di dovere o potere fare di meglio. E vive male perchè in realtà non riesce.

La fonte della maggior parte dei conflitti c’entra con differenze tra quello che possiamo e quello che dobbiamo fare. Ci hanno insegnato a fare prima quello che dobbiamo e solo dopo quello che vogliamo. Prima il dovere e poi il piacere. Non è una brutta cosa, ma portato al estremo può togliere ogni grazia alla vita.

La mia proposta è sempre riprenderci la nostra responsabilità e definire noi stessi cosa dobbiamo fare. Adeguarlo a quello che possiamo fare e trovare un equilibrio tra quello che possiamo e quello che vogliamo. Quando riusciamo a riscrivere gli obblighi con cui siamo cresciuti come permessi… Possiamo evolverci ulteriormente.

Vi va di provare?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

fiducia

fiducia

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di una delle caratteristiche delle persone che riescono ad approfittare delle opportunità, delle persone che hanno più successo nella vita, la fiducia.

va bene così

va bene così

In questo momento storico ci sono molte persone, anche citando testi spirituali e sacri, che, con la scusa del pensiero positivo, ci propongono un atteggiamento “menefreghista” come unica alternativa per essere felici in un mondo che sembra quasi tutto storto.

la dignità

la dignità

Dicono che moltissimi anni fa, in una scuola di filosofia, un allievo rifletteva sul paradosso di Epicuro. Dopo che l’aveva sentito a lezione la prima volta, non poteva smettere di pensarci, ne aveva parlato con insegnanti e compagni di classe. Era convinti ci fosse una soluzione e voleva trovarla.