perchè parli?

Lo chiedo davvero, non è una domanda non retorica… che, come dicevamo ieri all’evento di facciamo pace, dovremmo farci molto più spesso se vogliamo riprendere in mano la nostra vita, la cocreazione della nostra vita, la corresponsabilità di quello che ci accade. Perchè parliamo quando parliamo?

Perchè, inteso come qual’è l’obiettivo del nostro parlare. Cosa vogliamo ottenere con le nostre parole. Ci basta essere ascoltati? o vogliamo convincere chi ci sta ascoltando? vogliamo ottenere qualcosa dal nostro interlocutore? il suo rispetto, la sua compassione, il suo aiuto, il suo rispetto, la sua complicità?

Questa domanda è molto importante perchè spesso la comunicazione è deludente, ci sentiamo incompresi, perchè non raggiungiamo i nostri obiettivi, ma non siamo abbastanza consapevoli di quali essi erano. Come se il problema fosse la comunicazione, ma in realtà il problema è molto più in profondità.

Ricordo molte situazione della mia vita in cui qualcuno mi diceva “non so come parlarti di questo argomento“, e ho sempre pensato di essere una con cui si poteva parlare di qualsiasi cosa. Ma per loro “parlare di questo argomento” voleva dire convincerti (o obbligarti) a fare quello che io reputo meglio rispetto a questo argomento, anche se tu la pensi in modo contrario.

In quel caso, loro colpevolizzavano me, mi etichettavano come una con cui non si poteva parlare, e io non avevo le risorse per dire loro che il problema non era cercare le parole giuste ma comprendere che se non facevo quello che volevano era perchè avevo delle idee diverse, delle credenze diverse e delle emozioni che mi portavano in altre strade.

Adesso, con quello che so, vi posso assicurare che, anche se il potere delle parole è infinito, per cambiare, bisogna farlo da un livello più profondo, quello delle credenze e quello delle emozioni. Perciò, sia che vogliamo convincere qualcuno a fare qualcosa o che vogliamo cambiare rotta noi stessi, sarà qui che dovremmo agire.

Quale emozione e quali credenze sto trasmettendo, quali sta ricevendo e introiettando il mio interlocutore. Questo è funzionale all’obiettivo della mia communicazione? Se no… cosa posso cambiare?

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.

Detachment il distacco (2011)

Detachment il distacco (2011)

Ieri ho visto un film statunitense del 2021, Old, con cui ho rifflettuto tanto su tanti aspetti. La storia di una famiglia, una coppia di genitori con due figli piccoli, che va in vacanza in un posto paradisiaco e meraviglioso, trovato su internet, per rilassarsi e stare un po’ insieme tutti e quattro.

a come astrologia e archetipi

a come astrologia e archetipi

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrologia, dal momento che parliamo spesso delle diverse voci che abbiamo nella testa e l’astrologia psicologica può aiutarci a capirle e integrarle.