pensieri ed emozioni

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Parleremo di responsabilità e di coerenza, seguendo il persorso iniziato l’ultima volta, e parleremo della relazione tra i pensieri e le emozioni e come si influenzano a vicenda…

Nel post di ieri dicevamo che ci sono delle cose che ci hanno raccontato a metà, parlavamo del rapporto fra quel che sucede fuori e quel che succede dentro. All’incontro parleremo anche del rapporto tra quello che sucede in quello che chiamiamo “cuore” e in quello che chiamiamo “testa”.

Anche in questo caso ci hanno insegnato che quello che pensiamo dipende da quello che sentiamo. Che quando siamo tristi abbiamo pensieri negativi e quando siamo allegri è più facile avere pensieri positivi…

Ma non ci hanno parlato dell’altro lato della medaglia. Del fatto che le nostre emozioni non sono assolute ma dipendono dalle nostre credenze. La tristezza non dipende “direttamente” da quello che ci succede, ma da quello che pensiamo su di esso, da come lo giudichiamo.

Uno stesso evento, per due persone diverse, o per la stessa persona in momenti diversi della loro vita, può provocare emozioni molto diverse. Anzi, un qualsiasi evento può suscitarci un’emozione molto negativa fino a quando ne conosciamo la motivazione, e questa può cambiare non appena veniamo a saperla.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Venite e continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.