PENSARE

Ieri all’incontro di facciamo pace, alla fine abbiamo parlato del pensiero, di come pensiamo e di come il modo in cui pensiamo condiziona il resto della nostra vita, come diceva Gandhi, giacchè è il primo filtro attraverso il cuale passa il nostro mondo.

 Ed è anche quello più sottile perciò quello più “semplice” da cambiare (non dico che sia semplice o veloce ma che è più semplice cambiare un pensiero che cambiare un’abitudine), abbiamo analizzato con un acronimo alcuni degli aspetti più importanti a cui possiamo prestare attenzione se vogliamo migliorare la nostra capacità di pensare:

P.ogni pensiero parte di una serie di premesse, di credenze, più o meno limitanti, completamente personali e che fanno parte del percorso di ognuno;

E.oltre alle credenze, nei nostri pensieri normalmente si mischiano le nostre emozioni, che sono comunque così interrelazionate con essi da essere difficili da staccare;

N.la enne ci ricorda che normalmente, ogni pensiero risponde ad una necessità e che perchè sia utile dovrebbe essere il più neutrale possibile;

S.la esse sta per situazioni, perchè ogni pensiero, anche se sembra obiettivo, è facile che sia condizionato da dove ci troviamo, e quando non troviamo una soluzione ad un problema, può essere utile pensarci di nuovo in un’altro momento;

A.la A ci ricorda che il pensare deve portare all’azione, all’agire, perchè se rimane tutto solo pensato non serve a nulla, non porta da nessuna parte;

R.la R ci ricorda che quando il pensare non ci porta dove vogliamo possiamo sempre riflettere su quanto siamo realisti o se ci stiamo prendendo le nostre responsabilità;

E.per finire, tutto questo processo di analisi avrebbe come obiettivo portarci ad una emancipazione sia emotiva che dai nostri pensieri precendenti per poter sfruttare meglio questa nostra capacità. 

C’eravate? Vi è piaciuto? Spero di si e vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.

Tienilo acceso (2018)

Tienilo acceso (2018)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di linguistica di Vera Gheno: Tienilo acceso, dedicato a Internet e i social, in cui ci spiega con una semplicità meravigliosa cosa vuol dire e come gestire al meglio la nostra immagine online.