Paura delle decisioni (2014)

Anche oggi voglio parlarvi di un libro di Giorgio Nardone perchè sono dei manualetti facili da leggere e molto interessanti, fantastici come letture estive. Questa settimana abbiamo La Paura delle Decisioni. In questo libro parla della paura di sbagliare, di non essere all’altezza o di esporsi, e spiega come gestirla.

Perchè la paura non dev’essere negata, ma compresa e gestita con strategie e stratagemmi mirati, in grado di trasformarla da handicap ad arma vincente.

Cominciando dalle origini che può avere la paura di decidere, che possono essere la paura di sbagliare, quella di non essere all’altezza, di esporsi, di non avere o di perdere il controllo, di diventaer impopolari, ecc. Soprattutto perchè tutte queste paure possono diventare profezie autoavveranti.

Poi passa alle forme in cui possiamo vivere questa paura, le emozioni che possono essere diverse: paura, ansia, panico da una parte, angoscia e crisi depressive da un’altra, o anche semplicemente stress e tensione emotiva, o persino ossessioni, compulsioni e dubbi patologici.

Per poi parlare delle diverse tipologie di decisioni, giacchè né il comprendere né il reprimere sono risolutivi e per ogni tipo di decisioni ed emozione da  ci sono diverse strategie e stratagemmi, sempre molto pratici. Per finire con competenze e abilità da allenare. 

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.