Paura delle decisioni (2014)

Anche oggi voglio parlarvi di un libro di Giorgio Nardone perchè sono dei manualetti facili da leggere e molto interessanti, fantastici come letture estive. Questa settimana abbiamo La Paura delle Decisioni. In questo libro parla della paura di sbagliare, di non essere all’altezza o di esporsi, e spiega come gestirla.

Perchè la paura non dev’essere negata, ma compresa e gestita con strategie e stratagemmi mirati, in grado di trasformarla da handicap ad arma vincente.

Cominciando dalle origini che può avere la paura di decidere, che possono essere la paura di sbagliare, quella di non essere all’altezza, di esporsi, di non avere o di perdere il controllo, di diventaer impopolari, ecc. Soprattutto perchè tutte queste paure possono diventare profezie autoavveranti.

Poi passa alle forme in cui possiamo vivere questa paura, le emozioni che possono essere diverse: paura, ansia, panico da una parte, angoscia e crisi depressive da un’altra, o anche semplicemente stress e tensione emotiva, o persino ossessioni, compulsioni e dubbi patologici.

Per poi parlare delle diverse tipologie di decisioni, giacchè né il comprendere né il reprimere sono risolutivi e per ogni tipo di decisioni ed emozione da  ci sono diverse strategie e stratagemmi, sempre molto pratici. Per finire con competenze e abilità da allenare. 

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

fiducia

fiducia

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di una delle caratteristiche delle persone che riescono ad approfittare delle opportunità, delle persone che hanno più successo nella vita, la fiducia.

va bene così

va bene così

In questo momento storico ci sono molte persone, anche citando testi spirituali e sacri, che, con la scusa del pensiero positivo, ci propongono un atteggiamento “menefreghista” come unica alternativa per essere felici in un mondo che sembra quasi tutto storto.

la dignità

la dignità

Dicono che moltissimi anni fa, in una scuola di filosofia, un allievo rifletteva sul paradosso di Epicuro. Dopo che l’aveva sentito a lezione la prima volta, non poteva smettere di pensarci, ne aveva parlato con insegnanti e compagni di classe. Era convinti ci fosse una soluzione e voleva trovarla.