patti chiari, amicizie lunghe

15 Aug 17

Essendo amante delle parole fin da piccola, una delle mie passioni più vecchia è quella per i proverbi e, da quando ho iniziato a viaggiare e parlare altre lingue, amo imparare i proverbi dei posti che visito perchè credo definisco una cultura molto profonda radicata nei cuori delle persone che parlano quelle lingue, in modo più o meno conscio. Molti proverbi hanno dei simili in tutte le lingue che conosco. Ma questo mi è risultato nuovo perchè in spagnolo non conoscevo niente di simile.

Come dicevo è un proverbio che adoro perchè è una mia caratteristica innata, quella di chiarire le cose. Da molto piccola avevo bisogno di chiarire le cose per paura che i malintesi portassero a situazioni indesiderate. Da grande, ho imparato che chiarire le cose non è assolutamente neccessario ma può essere molto utile per ottimizzare le relazioni e i rapporti di qualsiasi tipo.

Quando sento dire che gli amici sono la famiglia che si sceglie, credo che questo c’entri molto con questo proverbio. Perchè la maggior parte dei problemi in famiglia sono per mancanza di chiarezza nei patti… perchè ognuno si aspetta cose diverse dalle azioni, dalle situazioni, dalle dinamiche… condivise. Sempre queste benedette aspettative che ci rovinano la vita…

La settimana scorsa parlavamo dei figli quando comentavamo il libro genitori al contrario, ma non solo loro… tutta la famiglia è il nostro specchio più accurato, più intimo. Ci fa vedere senza filtri quello che pensiamo e sentiamo, e soprattutto cosa ci aspettiamo da loro o da noi stessi. Soprattutto nelle fasi in cui si danno la convivenza e la dipendenza, ma anche dopo…

La buona notizia è che possiamo riscrivere i patti anche con la famiglia per diventare amici. Mettere le cose sul tavolo e chiarirle, dire cosa è importante per ognuno e trovare il modo per quadrare al meglio i diversi desideri e bisogni. E possiamo farlo tante volte quante sia neccessario, sia in famiglia, che in amore, che in amicizia e persino con i colleghi di lavoro, chiarire i patti è un piccolo sforzo che può ottimizzare molto qualsiasi situazione.

Cosa ne pensate? Siete di quelli che devono sempre chiarire o preferite lasciar perdere? Vi funziona?

2 Comments

  1. Nicola Alagna

    Le regole sono importanti. Non siamo ancora pronti per vivere senza. Buona giornata Amor

    Reply
    • amorben

      Grazie

      Reply

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.

Letargo

Letargo

Per me l’inizio di quest’anno è stato difficile, sono stata male fisicamente, prima con una pesante influenza e poi con quella che sembrava una intossicazione alimentare, non ho avuto febbre ma sono stata la maggior parte del tempo a letto.

il discepolo attaccabrighe

il discepolo attaccabrighe

Dicono che c’era una volta un giovane che salpò una sera dal porto con una piccola barca a vela per navigare per un paio d’ore, la barca era di suo zio e non sapeva navigare bene ma non pensava di allontanarsi molto dalla riva. Ma all’improvviso lo sorprese una forte tormenta che lo portò al largo senza alcun controllo.