patate, uova e caffè

Dicono che c‘era una volta una figlia che tutti i giorni si lamentava con la madre della sua vita infelice. Lei si era stancata di combattere e lottare ogni giorno per risolvere una marea di problemi che sembravano non finissero mai.

La madre la portò in cucina. Riempì d’acqua tre pentole e le mise ognuna su un fuoco. Una volta che l’acqua nelle pentole cominciò a bollire, nella prima versò delle patate, nella seconda delle uova e nella terza una manciata di chicchi di caffè. Poi, senza dire una parola, lasciò che i tegami continuassero a bollire. Intanto la figlia cominciava a perdere la pazienza, chiedendosi cosa stesse facendo sua madre.

Dopo circa venti minuti la madre spense i fornelli. Prese le patate dalla pentola e le mise in una ciotola. Tirò fuori le uova e le sistemò in un piatto. Quindi, versò il caffè in una tazza facendolo filtrare attraverso un colino. Infine, si girò verso la figlia e le chiese: Che cosa vedi?
— Patate, uova e caffè!— Fu la secca risposta della ragazza.

— Guarda meglio— , disse la madre, invitandola a toccare dapprima le patate. La figlia trovò che i tuberi erano diventati morbidi. Poi la invitò a prendere un uovo e di romperlo. Dopo averlo tolto dal guscio, ella notò che l’uovo era diventato sodo e compatto. Per ultimo le chiese di sorseggiare la nera bevanda. Il ricco aroma del caffè sortì un sorriso sul suo volto. Bevuto il caffè, finalmente chiese alla madre: — cosa significa tutto ciò?
La madre spiegò che le patate, le uova e il caffè, avevano affrontato la stessa avversità, consistente nell’acqua bollente, tuttavia, ognuno di loro ha reagito in modo differente.
La patata, dura e compatta, messa in acqua bollente è diventata fragile e molle. Viceversa, il fragile uovo, il cui liquido era protetto da un guscio sottile, a contatto con l’acqua bollente si è indurito. Soltanto i chicchi di caffè si sono comportati in modo differente. Essi hanno cambiato l’acqua bollente trasformandola in qualcosa di nuovo.

—Tu quale sei dei tre? Domandò la madre alla figlia, continuando Quando un’avversità bussa alla tua porta, tu, come reagisci?
 Sei una patata apparentemente forte, ma che il dolore rende debole?
Sei un uovo dal cuore tenero che per paura di soffrire diventa duro e impenetrabile?
Sei un chicco di caffè che nelle avversità riesce a dare il meglio di sé, trasformando ciò che ha causato il suo dolore, rendendolo migliore?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

 

ancora seduzione…

Continuando con il discorso della settimana scorsa, e con l’acronimo, vedremo le altre componenti che sono rimaste senza dettagliare nel primo articolo… eravamo rimaste allo zoom…

apprezzare e disprezzare

Una delle premesse del nuovo paradigma che facciamo più fatica a interiorizzare è il fatto che si dice che la realtà è neutra, che non è nè bella nè brutta, nè positiva nè negativa, nè giusta o sbagliata. Questo succede principalmente perchè ci hanno insegnato che c’è qualcosa di corretto e perfetto e che tutto il resto deve essere aggiustato.

tirare alla cieca

C’era una volta un Maestro zen che era un vero campione nell’arte del tiro con l’arco. Una mattina invitò il suo discepolo preferito a osservare una dimostrazione della sua abilità. Anche se l’aveva visto centinaia di volte, comunque obbedì al suo Maestro. Si recarono nel bosco accanto al monastero e raggiunsero un albero di quercia.

Il piccolo principe (1943)

Oggi voglio parlare di uno dei libri classici dello sviluppo personale anche se non è scritto da un guru, ma da un aviatore e scrittore, una persona con una personalissima capacità di osservare il mondo, Il piccolo principe, amato da tutti e da tenere sempre presente quando ci troviamo troppo imprigionati nei nostri ruoli di adulti.

Marina (2013)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film basato su una storia vera, italiana questa volta, la storia di un uomo eccezionale, Rocco Granata, che ha fatto sognare molte persone con la sua musica, e con la canzone che da titolo al film: Marina. Una musica leggera, ballabile, e allegra, che poco fa immaginare delle difficoltà che ha dovuto attraversare nella sua vita.