Passengers (2016)

Questa settimana voglio parlarvi di film molto particolare, Passengers, con Jennifer Lawrence e Chris Pratt. Una storia di solitudine, di amore, di accettazione di fatti accidentali, di come trovare la fortuna nella sfortuna, di come tutto può cambiare da un momento all’altro…

Un viaggiatore di una nave interstellare si sveglia, dopo la collissione con alcuni asteroidi, novant’anni prima del tempo previsto per l’arrivo a destinazione. Dopo mille tentativi prima di ritornare alla sua ibernazione, e poi di godersi la vita arriva persino a pensare al suicidio.

La consapevolezza di dover morire in quella nave, da solo, prima di arrivare a destinazione, circondato da gente che dorme e con l’unica compagnia di alcuni elementi di intelligenza artificiale,  lo fa impazzire al punto di pensare ad una mossa azzardata. Svegliare una donna, di cui si innamora anche prima di conoscerla.

Non senza farsi prima mille domande, giacchè vuol dire condannarla alla sua stessa fine, rubarle il sogno e la vita sognata nel mondo di destinazione. Quando alla fine l’istinto di supervivenza ha la meglio rispetto al senso di colpa, niente risulta come pianificato.

 Ho adorato i riferimenti ad altri film come Shining e Cast away, il personggio del androide cameriere e la sua psicologia spicciola. Ma soprattutto ve ne parlo perchè è un film sulle decisioni difficili, sulla disperazione, sui mille pensieri che possono farci la vita impossibile e su come ad un certo punto, un’azione, anche se nata dalla disperazione, anche se senza protezioni, quando decidiamo di aver pensato abbastanza, a volte sia l’unica “soluzione”.

Un film sulla vita e sul non arrendersi mai. Davvero da non perdere.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.

Tienilo acceso (2018)

Tienilo acceso (2018)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di linguistica di Vera Gheno: Tienilo acceso, dedicato a Internet e i social, in cui ci spiega con una semplicità meravigliosa cosa vuol dire e come gestire al meglio la nostra immagine online.