Partire dal perchè (2009)

In questi giorni ho letto il mio secondo libro di Simon Sinek, e l’ho adorato come avevo adorato il primo. Si chiama Partire dal Perché, e ci spiega come tutti i grandi leader sanno ispirare collaboratori e clienti, non per quello che fanno, non per come lo fanno, ma perchè trasmettono chiaramente un perchè coerente e questo messaggio ci arriva più forte.

In questo libro, già bestseller internazionale, l’autore ha attinto a un ampio ventaglio di casi personali e aziendali reali per costruire un vero e proprio nuovo modello, affascinante e anticonvenzionale, di ciò che realmente serve per guidare e ispirare le persone. Ed è una motivazione forte. Una forte consapevolezza non per fare sempre le stesse cose, nè nello stesso modo, ma per le stesse ragioni.

Steve Jobs, Martin Luther King e i fratelli Wright, pur in campi tanto diversi, condividono lo stesso segreto: tutti sono “partiti dal perché”. Spesso le organizzazioni motivano all’acquisto attraverso incentivi, abbassando i prezzi e minando i profitti. Altre volte comunicano il cosa fanno o il come lo fanno, ma questi aspetti si perdono in un mare di cose interscambiabili in cui ci si può perdere facilmente.

Invece, quando ci strasmettono il perché, ci conquistano, ci fanno sentire coerenti e questo è quello di cui abbiamo più bisogno. Saper partire dal perché non richiede particolari doti innate, ma richiede coerenza e disciplina.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.