parliamo di fiducia

Oggi voglio parlarvi di un’altro argomento che credo sia sopravaluttato: la fiducia. Ci sono decine di articoli su riviste e blog, libri, film, telefilm e altre  informazioni su come capire quando una persona sta mentendo, su come leggere il suo linguaggio metaverbale e non verbale per vedere se  possiamo fidarci o meno.  

 Ed io spesso mi chiedo se sia così importante fidarsi o non fidarsi, in ogni caso, o solo in alcuni. La fiducia dipende dal legame che abbiamo con gli altri, da quanto consideriamo di dipendere da loro. Si sa, il detto popolare recita “fidarsi è bene, non fidarsi è meglio…”

Nell’immagine sopra il bambino è piccolo e si butta tra le braccia del uomo perchè si fida di lui. Sa che sarà lì per lui e non si toglierà lasciandolo cadere. Crescendo, salterà da alcune altezze senza aiuto, perchè svilupperà una fiducia in se stesso. Si butterà con l’unico aiuto delle sue capacità per cadere in piedi.

Quando qualcuno mi dice di non poter fidarsi in amore, o al lavoro, chiedo sempre quanta dipendenza ci sia nei confronti della persona amata o del datore di lavoro, cliente, fornitore. Quanto ci sentiamo la parte più debole del legame, senza alternative. E penso sempre che sia più importante lavorare sul rinforzarci di quanto possa essere investire tempo nel capire se possiamo fidarci dell’altro.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il Cigno Nero (2014)

I n diversi momenti in queste settimane mi sono trovate frasi e questo autore, Nassim Nicholas Taleb, che mi hanno colpita particolarmente. Appena sono riuscita ho cercato qualcosa di suo e, come spesso mi capita, ho letto due libri di fila. Oggi voglio parlarvi del più famoso: Il cigno nero, meraviglioso.

Yuli (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film cubano, Yuli, con il grandioso Carlos Acosta, basato libro autobiografico del ballerino, No Way Home. Il film racconta la vita e la passione di questo grandissimo danzatore che è stato paragonati a Mikhail Barysnikov e Rudolf Nureyev…

ricrescere senza paura

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato di come nella nostra società siamo abituati a vivere nella paura ma possiamo sempre decidere di ricrescere nell’amore. Possiamo sempre renderci conto di quando emozioni come la paura ci stanno salvando o stanno fermando la nostra evoluzione.