paradossi

I paradossi, secondo wikipedia,  sono fatti che contraddicono l’opinione comune o l’esperienza quotidiana, la logica, la razionalità, che porta a una contraddizione, a qualcosa che non riusciamo a comprendere, o a capire, che ci mette in difficoltà.

 Quando incontriamo un paradosso, la tendenza più comune è quella di ignorarlo. A volte ignoriamo la parte di informazione che contraddice il resto. Per esempio, se ci dicono che Gandhi era tormentato dal sesso e che obbligava la sua nipote a dormire nuda con lui per allenare la resistenza. È facile che ignoriamo questo aspetto (o persino lo diamo per falso) e continuiamo a pensare a lui solo nei suoi aspetti più noti e ammirabili.

Altre volte ignoriamo l’intera facenda, decidiamo che l’argomento in cui si è presentata la contraddizione non ci interessa più. Per esempio, quando stiamo parlando di un argomento nuovo, come l’omeopatia o altre medicine alternative e, ad un certo punto, troviamo qualche concetto che va completamente cotro tutto il resto di quello su cui è basata la nostra medicina tradizionale occidentale. La reazione più diffusa è cancellare tutta la nuova medicina per quell’unico aspetto.

Il fatto è che questi paradossi sono porte che si potrebbero aprire verso una conoscenza, una sapienza, più estesa, capace di contenere sia il precedente che il nuovo. Come quando, all’inizio, ci sembra impossibile memorizzare dei concetti (come la matematica) o delle tecniche (come guidare la macchina) che. crescendo e allenandoci, diventano semplici e automatiche.

Il paradosso mette in evidenza la non assolutezza, la limitazione, del pensiero anteriore, la sua ostinazione. Coloro che riescono a superare questa ostinazione hanno più risorse di coloro che arrettrano, e perciò diventano più forti. Proviamo? Vi va?

Cosa pensate? Siete d’accordo con questa riflessione? Aspetto i vostri commenti… 

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

Il Cigno Nero (2014)

I n diversi momenti in queste settimane mi sono trovate frasi e questo autore, Nassim Nicholas Taleb, che mi hanno colpita particolarmente. Appena sono riuscita ho cercato qualcosa di suo e, come spesso mi capita, ho letto due libri di fila. Oggi voglio parlarvi del più famoso: Il cigno nero, meraviglioso.

Yuli (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film cubano, Yuli, con il grandioso Carlos Acosta, basato libro autobiografico del ballerino, No Way Home. Il film racconta la vita e la passione di questo grandissimo danzatore che è stato paragonati a Mikhail Barysnikov e Rudolf Nureyev…

ricrescere senza paura

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato di come nella nostra società siamo abituati a vivere nella paura ma possiamo sempre decidere di ricrescere nell’amore. Possiamo sempre renderci conto di quando emozioni come la paura ci stanno salvando o stanno fermando la nostra evoluzione.

scintille e fiamme

Parlando di emozioni, mi piace pensare che hanno una doppia causa, dal momento che sono delle reazioni che vengono da dentro ma lo fanno in risposta a situazioni che succedono sia dentro che fuori di noi.