osserva come parli

04 Apr 18

Ieri all’evento di facciamo pace, come promesso, abbiamo parlato dicome ascoltare quello che diciamo e quello che dicono gli altri in un modo diverso, osservando nelle parole la componente “consapevole” e tutte le informazioni inconsapevoli che vengono fuori insieme ad esse.

Abbiamo parlato di come sia importante capire chi parla quando parliamo, di chi sono le parole, da dove arrivano, quando e perchè le abbiamo fatte nostre. Perchè molte delle nostre parole non sono veramente nostre, ma le abbiamo imparate e le abbiamo ripetute tante volte nella nostra testa, che crediamo siano la realtà.

Abbiamo visto come, soprattutto le voci che usano la parola “devi, dovresti, dovrebbe, dovrebbero” provengono dal passato, o sono seghe mentali create pensando e pensando, senza mai controllare la situazione. Per quelle che ci limitano la vita, per quelle che ci fanno arrabbiare, innervosire, ratristare o che ci consumano, possiamo fare un doppio check delle idee che abbiamo in testa, quando escono.

E abbiamo visto come noi non reagiamo alla realtà, a quello che sucede ma a quello che ci raccontiamo su quello che succede. Come diceva Epitteto, anche quando le nostre circostanze non possono essere controllate né cambiate in nessun modo, la nostra mente sì lo é.

I problemi non sono mai nelle relazioni, nelle situazioni, nella realtà fuori dalla nostra mente ma nello sguardo con cui la guardiamo, con cui la osserviamo, e cambiando questo… possiamo cambiare tutto e trovare le opportunità che si nascondono dietro quello che chiamiamo problemi.

Ma, soprattutto abbiamo parlato di osservare senza cercare di cambiare, osservare per imparare su noi stessi, senza cercare di giudicare, per trovare le nostre soluzioni, individuali e uniche per ognuno di noi.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Into the Wild (2007)

Into the Wild (2007)

Questa settimana voglio parlarvi di un film bello quanto triste che parla di come qualsiasi bell’idea, se portata all’eccesso, può diventare deleteria, Into the Wild del 2007, basata sul libro di Jon Krakauer, Nelle terre estreme.