opportunità prese e da prendere

Ieri, all’incontro di facciamo pace, abbiamo continuato con il nostro argomento delle opportunità perse, e anche delle opportunità prese. Abbiamo visto le differenze, soprattutto di atteggiamento, e come fare per cambiarlo.

Siamo partiti dall’invito a raccontare (chi avesse voglia) alcune opportunità perse o prese. Abbiamo visto che uno degli elementi più importanti per poter “prendere” le opportunità è un certo tipo di atteggiamento, un “mettersi in gioco”, che, dicevamo, è condizione necessaria ma non sufficiente.

Spesso perdiamo delle opportunità, vedendole o meno, per paura dei cambiamenti, perchè non ci sentiamo in grado di affrontarli, dal momento che viviamo in una società che ci propone dei desideri e dei bisogni ideali senza nessun collegamento con la realtà.

Persino quando decidiamo di cambiare abbiamo delle pretese su come farlo che sono tutto tranne che realiste. Pensiamo (ci hanno convinti e dovremmo disimpararlo) che c’è un solo modo in cui si può cambiare e che noi non potremo mai farlo.

Abbiamo visto anche il modo töklita per risolvere il problema: “s’impara gradualmente, iniziamo con l’osservare gli altri e noi stessi in quest’ottica e tirare le somme a fine giornata, poi riusciamo a farlo poco dopo che abbiamo reagito, poi mentre stiamo reagendo. Arriva un punto in cui ti accorgi prima di reagire.

E poi abbiamo parlato di uno dei nostri strumenti consolidati, uno dei miei acronimi preferiti, da usare quando non vediamo la strada per uscire da dove si troviamo, il RADAR.

In realtà, nemmeno ieri abbiamo finito l’argomento e la settimana prossima lo riprenderemo, se vi incuriosice, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.