oltre la paura

La settimana scorsa, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato della paura e di come si sviluppa in livelli di paura della paura. Parlavamo di come non solo la rabbia, la tristezza e la paura si possono scambiare i vestiti, ma anche alcune paure si nascondono dietro ad altre.

Il meccanismo della paura della paura l’ho descritto al mio meglio nel mio libro Felix e il segreto delle chiavi magiche, parlando dello Struzzo, un personaggio pieno di paure:

<<Diciamo che una volta, da piccolo, aveva visto un bambino che rischiava di affogare in piscina. Da quel momento il solo pensiero di poter affogare già lo faceva rabbrividire. E, ad un certo punto, persino la parola “piscina”. Perciò aveva deciso di evitare le piscine, per evitare il rischio di essere vicino ad una qualsiasi piscina, anche se piccola, e di avere paura di cadere. Questo è quello che chiamano paura della paura.

Comunque, la storia non finisce qui. Siccome aveva paura delle piscine e gli sembrava che nessuno avrebbe capito il perché, aveva deciso che era meglio evitare di essere invitato in piscina: sarebbe stato meglio evitare qualunque persona che amasse le piscine o che ne avesse una in casa. Questa è paura della paura della paura.

Ma siccome non è facile sapere, nel momento in cui conosci qualcuno, se ama le piscine o ne ha una in casa, aveva deciso che era meglio non conoscere persone nuove: non fare nuove amicizie e rimanere solo con i suoi cinque amici di sempre che sapevano tutto sulle sue paure ed erano sempre pronti ad accettare tutti i divieti che lui metteva alle loro proposte, per assurde che potessero sembrare i suoi ragionamenti.

Così, la paura della paura della paura lo tratteneva nel suo piccolo cerchio e nemmeno lì era del tutto sereno, perché ci poteva sempre essere qualche pericolo e qualche nuova paura in agguato.>>

Perciò la prima cosa da fare per affrontare le paure è capire qual’è la vera paura, quella alla base delle altre, quella su cui il lavoro potrebbe dare frutti più grandi…

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere? Venite al prossimo che continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

 

dobbiamo parlare

dobbiamo parlare

Spesso parliamo dell’importanza del parlare e delle parole, delle parole che usiamo e dell’uso che ne facciamo, delle connotazioni che possono avere nella testa di chi parla e di chi sente, oggi voglio fare un invito e una difesa del “dobbiamo parlare”.

mio marito non mi ama più

mio marito non mi ama più

Dicono che molti anni fa c’era un prete che sapeva tutto sulle relazioni e sull’animo umano. Sapeva consigliare agli uomini, alle donne, ai genitori, ai figli, con la stessa facilità e serenità. Diceva che per lui non c’erano differenze, erano tutte persone.

La Padronanza del Sé (2016)

La Padronanza del Sé (2016)

Eanche oggi vorrei parlare dei toltechi, questa volta con Don Miguel Ruiz Jr., solo il figlio, e voglio parlarvi di La Padronanza del Sé, un riassunto degli insegnamenti toltechi inseriti in un percorso di sviluppo per diventare maestri.

Il professore e il pazzo (2019)

Il professore e il pazzo (2019)

Per questa settimana voglio parlarvi di un film meraviglioso che ho amato molto, Il professore e il pazzo, con due fantastici Mel Gibson e Sean Penn, che racconta la storia della nascita dell’Oxford English Dictionary a cura del professore James Murray e di un uomo ossessivo, traumatizzato dagli orrori della guerra.