non ti preoccupare

Una delle cose che molte volte fraintendiamo è il bisogno e l’utilità della preoccupazione, spesso mi capita di dire a qualcuno di preoccuparsi meno e mi risponde che non è possibile, che deve preoccuparsi, che se non si preoccupasse sarebbe senza cuore. Invece, il cuore non si preoccupa, non capisce niente di futuro e di passato. Non può preoccuparsi per molte cose ma solo “occuparsi” di una alla volta. È la mente che si preoccupa, che continua a correre avanti e indietro cercando pericoli e possibili minacce.

Mentre scrivevo questo post ho ricevuto una lezione in diretta per ribadire l’argomento, la condivido con voi perchè è un esempio molto chiaro. Mia figlia quindicenne non è arrivata in tempo dopo la scuola. Ho aspettato i soliti 15 minuti, 20, e ho inziato a chiedermi se forse aveva altri piani che io sapessi, ma ero sicura che non mi aveva detto niente, anche mia figlia piccola confermava; 30, ero sempre più nervosa e nella mia mente hanno cominciato ad accumularsi idee e pensieri, anche se ancora le vocine che mi dicevano di stare tranquilla erano più forti; 45, iniziavo a dubitare di me stessa e della maggior parte delle mie convinzioni, a pensare che comunque il mondo è anche un posto pericoloso e che potrebbe essere successo qualcosa di brutto

La storia finisce con che, dopo più di un’ora di pensieri contrastanti e di battaglia nella mia testa, mi decido a chiedere a suo padre se sa dov’è. Lui, che non sapeva niente fino a un minuto prima e che era fresco e sereno, mi chiede se ho chiamato le sue amiche. Pensandoci bene ha senso. Chiamo la prima che mi viene in mente, quella da cui va più spesso, e la trovo. Ho pianto per il sollievo. Lei mi ha chiesto scusa ma non c’era niente da scusare.

E la chiamo lezione perchè l’ho usata per ribadire due cose: che la preoccupazione ci immobilizza, come un sedativo, come una droga, ci oscura la mente e ci nasconde le soluzioni più banali, e che la sua azione era stata solo un piccolo sbaglio, una dimenticanza, e che tutto il resto del castello di cose terribili l’avevo costruito da sola.

Un tempo mi sarei arrabbiata, sentita offesa e presa in giro e avrei desiderato punirla per chè non dimenticasse l’importanza e l’effetto su di me delle sue azioni. Oggi capisco che ho fatto tutto la sola, che è stata la mia preoccupazione l’unico problema e voglio sfruttare il mio tempo e energie per non dimenticare io l’importanza di questo…

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.

Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino (2005)

Dopo quello dei bambini mi sono letta anche un’altro libro di Adele Faber ed Elaine Mazlish, Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino & Come Ascoltare Perché ti Parlino, dedicato alle problematiche con i ragazzi adolescenti, più grandi, più caparbi e più soggetti a rischi incontrollabili dalla la loro maggiore autonomia.

Unicorn Store (2017)

Qnuesta settimana, voglio parlarvi di un film molto un po’ particolare: Unicorn Store, con una simpaticissima Brie Larson sia come regista che come protagonista insieme al fantastico Samuel L. Jackson. Un film sulla fantasia, sull’unicità e sugli sforzi che facciamo tutti per sembrare “normali”.