non ti preoccupare

Una delle cose che molte volte fraintendiamo è il bisogno e l’utilità della preoccupazione, spesso mi capita di dire a qualcuno di preoccuparsi meno e mi risponde che non è possibile, che deve preoccuparsi, che se non si preoccupasse sarebbe senza cuore. Invece, il cuore non si preoccupa, non capisce niente di futuro e di passato. Non può preoccuparsi per molte cose ma solo “occuparsi” di una alla volta. È la mente che si preoccupa, che continua a correre avanti e indietro cercando pericoli e possibili minacce.

Mentre scrivevo questo post ho ricevuto una lezione in diretta per ribadire l’argomento, la condivido con voi perchè è un esempio molto chiaro. Mia figlia quindicenne non è arrivata in tempo dopo la scuola. Ho aspettato i soliti 15 minuti, 20, e ho inziato a chiedermi se forse aveva altri piani che io sapessi, ma ero sicura che non mi aveva detto niente, anche mia figlia piccola confermava; 30, ero sempre più nervosa e nella mia mente hanno cominciato ad accumularsi idee e pensieri, anche se ancora le vocine che mi dicevano di stare tranquilla erano più forti; 45, iniziavo a dubitare di me stessa e della maggior parte delle mie convinzioni, a pensare che comunque il mondo è anche un posto pericoloso e che potrebbe essere successo qualcosa di brutto

La storia finisce con che, dopo più di un’ora di pensieri contrastanti e di battaglia nella mia testa, mi decido a chiedere a suo padre se sa dov’è. Lui, che non sapeva niente fino a un minuto prima e che era fresco e sereno, mi chiede se ho chiamato le sue amiche. Pensandoci bene ha senso. Chiamo la prima che mi viene in mente, quella da cui va più spesso, e la trovo. Ho pianto per il sollievo. Lei mi ha chiesto scusa ma non c’era niente da scusare.

E la chiamo lezione perchè l’ho usata per ribadire due cose: che la preoccupazione ci immobilizza, come un sedativo, come una droga, ci oscura la mente e ci nasconde le soluzioni più banali, e che la sua azione era stata solo un piccolo sbaglio, una dimenticanza, e che tutto il resto del castello di cose terribili l’avevo costruito da sola.

Un tempo mi sarei arrabbiata, sentita offesa e presa in giro e avrei desiderato punirla per chè non dimenticasse l’importanza e l’effetto su di me delle sue azioni. Oggi capisco che ho fatto tutto la sola, che è stata la mia preoccupazione l’unico problema e voglio sfruttare il mio tempo e energie per non dimenticare io l’importanza di questo…

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Gli errori delle donne (2010)

Gli errori delle donne (2010)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un di Giorgio Nardone, un manuale breve e semplice chiamato Gli errori delle donne (in amore). In questo libro non parla di disturbi psichici e comportamentali ma di copioni psicoemotivi che le donne mettono in atto nelle relazioni amorose.
Brazil (1985)

Brazil (1985)

Oggi sono di nuovo tornata indietro nel tempo per rivedere Brazil, di Terry Gilliam, con un Robert De Niro fantastico anche se in un ruolo non protagonista, e Jonathan Pryce e Kim Greist, nei panni di una copia tutto tranne che convenzionale.
amore incondizionato

amore incondizionato

Dicono che c’era una volta un anziano signore che arrivò alle otto di mattina al Pronto Soccorso dell’ospedale per farsi togliere dei punti di sutura da una mano. Aveva molta fretta. Egli diceva che aveva un appuntamento importante alle nove in punto.
After (2014)

After (2014)

Oggi voglio parlarvi di un libro diverso dal solito, non un libro di che spiega i misteri dell’animo umano da un punto di vista psicologico o filosofico, ma un romanzo famoso soprattutto per i dettagli erotici con cui racconta una storia di amore, amicizia, droghe e sesso fra ragazzi all’università, After di Anna Todd.