non ti preoccupare

Una delle cose che molte volte fraintendiamo è il bisogno e l’utilità della preoccupazione, spesso mi capita di dire a qualcuno di preoccuparsi meno e mi risponde che non è possibile, che deve preoccuparsi, che se non si preoccupasse sarebbe senza cuore. Invece, il cuore non si preoccupa, non capisce niente di futuro e di passato. Non può preoccuparsi per molte cose ma solo “occuparsi” di una alla volta. È la mente che si preoccupa, che continua a correre avanti e indietro cercando pericoli e possibili minacce.

Mentre scrivevo questo post ho ricevuto una lezione in diretta per ribadire l’argomento, la condivido con voi perchè è un esempio molto chiaro. Mia figlia quindicenne non è arrivata in tempo dopo la scuola. Ho aspettato i soliti 15 minuti, 20, e ho inziato a chiedermi se forse aveva altri piani che io sapessi, ma ero sicura che non mi aveva detto niente, anche mia figlia piccola confermava; 30, ero sempre più nervosa e nella mia mente hanno cominciato ad accumularsi idee e pensieri, anche se ancora le vocine che mi dicevano di stare tranquilla erano più forti; 45, iniziavo a dubitare di me stessa e della maggior parte delle mie convinzioni, a pensare che comunque il mondo è anche un posto pericoloso e che potrebbe essere successo qualcosa di brutto

La storia finisce con che, dopo più di un’ora di pensieri contrastanti e di battaglia nella mia testa, mi decido a chiedere a suo padre se sa dov’è. Lui, che non sapeva niente fino a un minuto prima e che era fresco e sereno, mi chiede se ho chiamato le sue amiche. Pensandoci bene ha senso. Chiamo la prima che mi viene in mente, quella da cui va più spesso, e la trovo. Ho pianto per il sollievo. Lei mi ha chiesto scusa ma non c’era niente da scusare.

E la chiamo lezione perchè l’ho usata per ribadire due cose: che la preoccupazione ci immobilizza, come un sedativo, come una droga, ci oscura la mente e ci nasconde le soluzioni più banali, e che la sua azione era stata solo un piccolo sbaglio, una dimenticanza, e che tutto il resto del castello di cose terribili l’avevo costruito da sola.

Un tempo mi sarei arrabbiata, sentita offesa e presa in giro e avrei desiderato punirla per chè non dimenticasse l’importanza e l’effetto su di me delle sue azioni. Oggi capisco che ho fatto tutto la sola, che è stata la mia preoccupazione l’unico problema e voglio sfruttare il mio tempo e energie per non dimenticare io l’importanza di questo…

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il Cigno Nero (2014)

I n diversi momenti in queste settimane mi sono trovate frasi e questo autore, Nassim Nicholas Taleb, che mi hanno colpita particolarmente. Appena sono riuscita ho cercato qualcosa di suo e, come spesso mi capita, ho letto due libri di fila. Oggi voglio parlarvi del più famoso: Il cigno nero, meraviglioso.

Yuli (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film cubano, Yuli, con il grandioso Carlos Acosta, basato libro autobiografico del ballerino, No Way Home. Il film racconta la vita e la passione di questo grandissimo danzatore che è stato paragonati a Mikhail Barysnikov e Rudolf Nureyev…

ricrescere senza paura

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato di come nella nostra società siamo abituati a vivere nella paura ma possiamo sempre decidere di ricrescere nell’amore. Possiamo sempre renderci conto di quando emozioni come la paura ci stanno salvando o stanno fermando la nostra evoluzione.

scintille e fiamme

Parlando di emozioni, mi piace pensare che hanno una doppia causa, dal momento che sono delle reazioni che vengono da dentro ma lo fanno in risposta a situazioni che succedono sia dentro che fuori di noi.

i due falchi

Dicono che c’era una volta un re che ricevette in regalo due magnifici falchi. Erano falchi pellegrini, i più begli uccelli che avesse mai visto. Diede i suoi preziosi falchi al suo capo falconiere per allenarli. Ma i mesi passarono e un giorno il capo falconiere informò il re che c’era un problema.

La Scomparsa dell’Universo (2003)

In questi giorni ho letto il mio primo libro di Gary Renard, di cui avevo sentito molto parlare, La Scomparsa dell’Universo, un approfondimento del Corso in Miracoli di Helen Schucman, fatto da dialoghi con due “maestri ascesi” apparsi dal nulla sul suo divano per a rivelargli alcuni segreti scioccanti dell’esistenza e ad insegnargli i miracolosi poteri del perdono avanzato.