Non sposate le mie figlie (2014)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film francese che ho amato da quando ho visto il trailer, Non sposate le mie figlie, una commedia nel migliore stile francese, che rispecchia le differenze fra le grandi città e i piccoli paesi, fra le persone di una certa età e i giovani, e le similitudini, a volte anche insospettabili, fra persone molto diverse.

La storia è molto semplice, e la maggior parte viene viene presentata nei primi minuti, una coppia di signori francesi che vivono in un piccolo paese in cui tutti sono molto simili, hanno quattro figlie bellissime che vanno a vivere in città, dove l’immigrazione è un dato di fatto, e finiscono per innamorarsi e sposarsi con degli uomini molto diversi da loro. Questo non è tanto gradito dai genitori che vedono la diversità come una minaccia e avrebbero preferito dei generi più normali.

Le prime tre figlie sposano un cinese, un arabo ed un ebreo, e questo sconvolge le loro abitudini e i loro rituali di famiglia, e la sicurezza che questi rituali condivisi portano con se. Ad un certo punto, siccome le differenze che si vedono di più sono quelle religiose iniziano a sperare che l’ultima sposi un cattolico. E l’universo che è simpatico e non aspetta altro che un’invito, ascolta le loro richieste ed invia loro un fidanzato cattolico, ma… di colore.

Le cose che ho amato di più sono due, legate più alle similitudini che alle differenze: primo, che oltre alle scene in cui si vedono le differenze fra le diverse visioni della vita, fra le diverse credenze religiose (come quella in cui il papà ebreo dice a suo figlio che la nonna “ha esagerato” dicendo che Gesù era il figlio di Dio), ci sono tante scene di problemi non legati a queste differenze, problemi che abbiamo un po’ tutti.

E, soprattutto, i due padri, che hanno le stesse perplessità, dubbi, paure e, soprattutto, lo stesso atteggiamento, e le stesse modalità di diffesa…

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

la mamma felice

Dicono che c’era una volta una madre che aveva un sacco di problemi. Non dormiva, si sentiva esausta, era irritabile, scontrosa e acida. Sempre malata, finché un giorno, all’improvviso, cambiò. La situazione era uguale, ma lei era diversa.

Gli Snicci (1961)

In questi giorni in cui Torino si prepara per il pride mi capita spesso di parlare di discriminazione, non solo per ragioni di orientamento sessuale, ma di ogni genere perchè sono convinta che tutte le discriminazioni siano uguali, anzi, siano la stessa, un modo di escludere alcuni individui per una ragione, che può essere religiosa come in la vita è bella, di età o di qualsiasi tipo. Per fare un esempio, il più semplice, possiamo prendere un libro per bambini, del Dr. Seuss, scritto già in 1961, Gli Snicci.

Now you see me (2013)

Oggi voglio parlarvi di uno di quei film di cui ho amato sia il primo che il secondo e di cui aspetto con ansia il terzo, Now You See Me – I maghi del crimine, con tanti attori famosi, tra cui Mark Ruffalo, Woody Harrelson, Michael Caine e Morgan Freeman. Una meravigliosa storia in cui si mischiano la magia, la giustizia, la ribellione, l’eccellenza e la lotta fra la collaborazione e l’individualità.

immaginazione e realtà

Dopo un mese rifflettendo sul cambiamento, continueremo a parlare di accettologia, di realismo e di immaginazione. E di come l’immaginazione è un potente strumento, che può renderci liberi o schiavi, forti o deboli, a seconda di come la usiamo per dipingere il mondo passato, presente o futuro.

responsabilità e collaborazione

Spesso i problemi di comunicazione derivano in problemi funzionali e pratici. Viviamo in società, siamo tutti legati. Ci sembra che le altre persone non vogliano collaborare con noi, non vogliano fare la loro parte e ci arrabbiamo o rattristiamo. Peccato che questo ci fa perdere tanta energia e tempo e non ci fa migliorare la situazione. Parlare di colpe è una delle strade più veloci verso l’insuccesso.

patate, uova e caffè

Dicono che c’era una volta una figlia che tutti i giorni si lamentava con la madre della sua vita infelice. Lei si era stancata di combattere e lottare ogni giorno per risolvere una marea di problemi che sembravano non finissero mai. La madre la portò in cucina. Riempì d’acqua tre pentole e le mise ognuna su un fuoco.

se ti ho incuriosito...