Non sposate le mie figlie (2014)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film francese che ho amato da quando ho visto il trailer, Non sposate le mie figlie, una commedia nel migliore stile francese, che rispecchia le differenze fra le grandi città e i piccoli paesi, fra le persone di una certa età e i giovani, e le similitudini, a volte anche insospettabili, fra persone molto diverse.

La storia è molto semplice, e la maggior parte viene viene presentata nei primi minuti, una coppia di signori francesi che vivono in un piccolo paese in cui tutti sono molto simili, hanno quattro figlie bellissime che vanno a vivere in città, dove l’immigrazione è un dato di fatto, e finiscono per innamorarsi e sposarsi con degli uomini molto diversi da loro. Questo non è tanto gradito dai genitori che vedono la diversità come una minaccia e avrebbero preferito dei generi più normali.

Le prime tre figlie sposano un cinese, un arabo ed un ebreo, e questo sconvolge le loro abitudini e i loro rituali di famiglia, e la sicurezza che questi rituali condivisi portano con se. Ad un certo punto, siccome le differenze che si vedono di più sono quelle religiose iniziano a sperare che l’ultima sposi un cattolico. E l’universo che è simpatico e non aspetta altro che un’invito, ascolta le loro richieste ed invia loro un fidanzato cattolico, ma… di colore.

Le cose che ho amato di più sono due, legate più alle similitudini che alle differenze: primo, che oltre alle scene in cui si vedono le differenze fra le diverse visioni della vita, fra le diverse credenze religiose (come quella in cui il papà ebreo dice a suo figlio che la nonna “ha esagerato” dicendo che Gesù era il figlio di Dio), ci sono tante scene di problemi non legati a queste differenze, problemi che abbiamo un po’ tutti.

E, soprattutto, i due padri, che hanno le stesse perplessità, dubbi, paure e, soprattutto, lo stesso atteggiamento, e le stesse modalità di diffesa…

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

non dovevi

Una di quelle frasi che molti ripetono per “educazione” senza pensare bene cosa vuol dire, cosa stanno dicendo in realtà è “non dovevi”. Tipo quando ricevono un regalo, un favore, una spiegazione. Oggi vorrei riflettere un secondo su quanto possa essere distruttiva questa frase.

Anatomia della Coppia (2015)

In questi giorni ho letto il libro di Erica Francesca Poli, Anatomia della Coppia, I sette principi dell’amore. Un compendio di tante cose, con tanti spunti interessanti, dalla spiritualità alle neuroscenze e tante fonti, alcuni che conoscevo e altre che ho scoperto grazie a lei.

Replicas (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film fantascientifico americano, con il grandioso Keanu Reeves, (che ricordiamo per il ruolo di Neo in Matrix): Replicas. Un film che riprende uno degli argomenti più classici, quello della non accettazione della morte, e del desiderio di risurrezione degli esseri che amiamo.

qualcosa di meglio da fare

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato dell’aria come promesso la settimana scorsa, e anche di altri aspetti di consapevolezza e responsabilità come la presa di coscenza sulle cose che facciamo e che lasciamo “da fare”, sulle priorità che mostriamo.

troppo difficile

Viviamo in un mondo in cui c’è una tale adorazione e ricerca della facilità che spesso perdiamo delle opportunità perchè le consideriamo troppo difficili, dimenticando che la difficoltà più grande è quella che deriva dal nostro atteggiamento e dalla mancanza di allenamento.