Non sposate le mie figlie (2014)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film francese che ho amato da quando ho visto il trailer, Non sposate le mie figlie, una commedia nel migliore stile francese, che rispecchia le differenze fra le grandi città e i piccoli paesi, fra le persone di una certa età e i giovani, e le similitudini, a volte anche insospettabili, fra persone molto diverse.

La storia è molto semplice, e la maggior parte viene viene presentata nei primi minuti, una coppia di signori francesi che vivono in un piccolo paese in cui tutti sono molto simili, hanno quattro figlie bellissime che vanno a vivere in città, dove l’immigrazione è un dato di fatto, e finiscono per innamorarsi e sposarsi con degli uomini molto diversi da loro. Questo non è tanto gradito dai genitori che vedono la diversità come una minaccia e avrebbero preferito dei generi più normali.

Le prime tre figlie sposano un cinese, un arabo ed un ebreo, e questo sconvolge le loro abitudini e i loro rituali di famiglia, e la sicurezza che questi rituali condivisi portano con se. Ad un certo punto, siccome le differenze che si vedono di più sono quelle religiose iniziano a sperare che l’ultima sposi un cattolico. E l’universo che è simpatico e non aspetta altro che un’invito, ascolta le loro richieste ed invia loro un fidanzato cattolico, ma… di colore.

Le cose che ho amato di più sono due, legate più alle similitudini che alle differenze: primo, che oltre alle scene in cui si vedono le differenze fra le diverse visioni della vita, fra le diverse credenze religiose (come quella in cui il papà ebreo dice a suo figlio che la nonna “ha esagerato” dicendo che Gesù era il figlio di Dio), ci sono tante scene di problemi non legati a queste differenze, problemi che abbiamo un po’ tutti.

E, soprattutto, i due padri, che hanno le stesse perplessità, dubbi, paure e, soprattutto, lo stesso atteggiamento, e le stesse modalità di diffesa…

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

Metti la nonna in freezer (2018)

Oggi voglio parlarvi di una commedia italiana, di quest’anno, con Fabio De Luigi e Miriam Leone, Metti la nonna in freezer. Una storia meravigliosa sulle regole, sulla gente che le fa rispettare e quella che le infringe, con grande immaginazione, con la inventiva, che ha creato il malcostume italico determinato a stanare falsi invalidi, cronici evasori e impiegati in cerca di mazzette.

archetipi personali

In questo mese di ottobre, continueremo a parlare di archetipi, e al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di alcuni vedremo come individuare i propri archetipi personali e come sfruttare al meglio quest’informazione. Vedremo una serie di archetipi che possiamo definire di base e universali seguendo il libro di Caroline Myss e come capire se ci appartengono o meno.

il peso karmico

Oggi voglio parlare di karma e del peso che può avere nelle nostre vite… Spesso incontro persone che mi fanno notare quanta fatica fanno a ottenere cose che per altri sono, o sembrano, semplici. Gente che si lamenta di quanto sia difficile la convivenza con la propria famiglia o il proprio lavoro e quanto sembrino leggere le famiglie o i lavori degli altri.

una persona sgradevole

Dicono che c’era una volta, su di un volo di una nota compagnia aerea sulla rotta che va da Johannesburg a Londra, una donna bianca, di circa 50 anni, che dovete prendere posto in classe economica di fianco ad un giovane uomo nero.

Fish! (2001)

Anche oggi voglio parlare di un libro non nuovissimo, di diversi autori, Fish! Una storia sulla motivazione, su un gruppo in cui tutti mettono passione ed energia nell’attività che svolgono, un ambiente in cui le persone sono autenticamente in sintonia fra loro, con il proprio lavoro e con i clienti, e non perchè il loro lavoro sia particolarmente meritevole o preveda una particolare reputazione.

Patch Adams (1998)

Oggi voglio parlarvi di nuovo uno di quei film meravigliosi basato su una storia reale e interpretato magistralmente da Robin Williams, Patch Adams. Medico, attivista e scrittore statunitense che già dai suoi anni dell’università quando era ancora uno studente e un laureando cercò di esplorare e mostrare a tutti l’importanza dell’umanità sopra a tutte le apparenze, le differenze di classe, ecc.

se ti ho incuriosito...