io non l’avrei mai fatto!

La prossima settimana all’evento di facciamo pace, continueremo a parlare di come gestire i nostri problemi con gli altri, ma ci concentreremo di più su cosa li crea… le “nostre” credenze con cui ci facciamo del male gratuitamente e senza nessun bisogno, credenze su noi stessi, sugli altri e sul mondo. Credenze con cui confrontiamo quello che ci succede per capire se è giusto. Cercando il conforto del “deve” essere così per non prenderci le nostre responsabilità senza dover scegliere per noi stessi.

Quando incontriamo delle persone e fanno delle cose che non sono quelle che ci saremmo aspettati, ci lasciamo cullare da pensieri come “io non l’avrei mai fatto” o “io non sono come te“, senza entrare nei dettagli, senza capire perchè l’hanno fatto, senza camminare qualche miglio con le loro scarpe, senza nessun bisogno di chiarimenti, come giudici implaccabili

Io credo che le persone siano più importanti delle cose, delle regole e persino delle credenze. E questa credenza mi aiuta moltissimo nella mia vita privata e anche nel lavoro. Ognuno di noi è diverso. E l’unica domanda a cui possiamo sinceramente dare una risposta è se quello che fanno ci piace o non ci piace, ma mai se è giusto, logico o “normale“…

Si tratta di cercare le persone compatibili con noi e allontanare quelle incompatibili, senza giudicarle, senza cercare di cambiarle o di correggerle, ma soprattutto senza permettere che ci cambino o ci correggano. Se crediamo di dover migliorare e di poter essere aiutati a farlo, non sarà da qualcuno che pretende che lo facciamo, ma da qualcuno che ci tratta nel modo che ci permette di farlo, che ci ispira un’atteggiamento diverso, non  che ce lo impone…

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.

Tienilo acceso (2018)

Tienilo acceso (2018)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di linguistica di Vera Gheno: Tienilo acceso, dedicato a Internet e i social, in cui ci spiega con una semplicità meravigliosa cosa vuol dire e come gestire al meglio la nostra immagine online.