nella propria testa

Diverse volte abbiamo parlato del fatto che i propri problemi in realtà sono più legati a come vediamo e interpretiamo il mondo che a come il mondo è. C’entra molto di più il colore del cristallo attraverso il quale guardiamo il mondo. Si dice che, se chiedessimo a Dio, o al genio della lampada, di fare sparire la causa di tutti i nostri problemi… farebbe sparire noi. Così sparirebbero tutti, tutti!

Quest’affermazione ha due conseguenze molto importanti: la prima, come accennato sopra, è che i problemi sono nella testa di chi li vede perchè dipendono più della percezione, perciò delle credenze e la buona notizia è che, a volte, basta cambiare credenze per risolverli, senza dover stravolgere le situazioni.

La seconda, che è persino più importante per le sue conseguenze, è che la probabilità che due teste diverse vedano i problemi allo stesso modo è molto scarsa. Questa è la base della maggior parte dei malintesi e dei conflitti nelle relazioni. Ci hanno detto che esiste una realtà oggettiva e che chi non la vede sbaglia o peggio, non vuole ammetterla.

Invece, la realtà che vediamo è più soggettiva di quanto sembra, sempre. Quando parliamo dei nostri problemi con altre persone e non ci capiscono, sarebbe molto più utile spiegarci meglio che cercare di convincerli che abbiamo ragione. Soprattutto se stiamo chiedendo aiuto, avere qualcuno che ci da ragione non fa che affermare ulteriormente il problema. Invece, avere punti di vista diversi può essere molto utile per vedere possibili soluzioni che altrimenti rimarrebbero nascoste…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

chi sposare

chi sposare

Dicono che c’era una volta, in un regno d’oriente, un ragazzo appena uscito dalla scuola, brillante e deciso, che voleva avere il maggiore successo nella vita. Era stato eccellente da studente e voleva continuare ad esserlo da adulto.

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Questa settimana torniamo a parlare di un’altro libro di Giorgio Nardone: Non c’è Notte che Non Veda il Giorno, dedicato alla terapia in tempi brevi per gli attacchi di panico, e la gestione della paura, un problema molto più diffuso di quanto sembra.

Tall Girl (2019)

Tall Girl (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film che mi ha consigliato mia figlia piccola, Tall Girl, con una fantastica Ava Michelle che deve imparare a convivere con il suo essere troppo alta per i suoi compagni di liceo, amici e nemici, famigliari…

possibilità

possibilità

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, continueremo a fare il discorso su come ci raccontiamo, sul potere inmenso che abbiamo per definire la nostra vita scegliendo le parole che usiamo per raccontarla, e vedremo dei piccoli “trucchi” per cambiare cose nell’inmediato.