Moglie a sorpresa (1992)

Oggi voglio parlarvi di un’altro dei miei film preferiti di sempre, con due dei miei attori preferiti, Steve Martin e Goldie Hawn Moglie a sorpresa, una storia fantastica perchè parla di come la fantasia può aggiustare qualsiasi cosa, di come può colorare la nostra vita e le nostre giornate, poco a poco e in maniere che la logica non potrebbe nemmeno immaginare.

Narra la storia di un un architetto frustrato: troppo banale, tranquillo, modesto e lineare, che ha poco successo sia nella professione che nella vita privata. Ha progettato e costruito una casa perfetta per sé e per la ragazza di cui è innamorato fin dall’infanzia, con la speranza che lei accettasse di sposarlo, ed è rimasto ferito dal suo rifiuto. Ha fatto tutto seguendo le regole e ha sempre fatto quello che tutti si aspettavano di lui, ma i risultati non sono mai quelli che si aspettava.

Finchè, nella sua vita, appare lei, tutto il contrario di tutto quello che ha mai conosciuto, bugiarda, creativa, coraggiosa e libera come il vento, senza regole, senza legami, senza ipocrisie, ma con un cuore gigantesco… che, alla fine, gli insegna quanto la sua vita era mediocre perchè era lui stesso a non osare e quanto poteva ottenere tutto quello che si proponeva aggiungendo un po’ di fantasia.

Come dicevo ci sono tanti aspetti che ho adorato di questo film, ma soprattutto, il finale. Ancora oggi quando lo riguardo rido ad ogni battuta e piango quando lui capisce tutto e ferma il pullman, facendo uno sforzo goffo e non tanto brillante, per imparare da lei, per imitarla, per aggiungere quella fantasia al suo catalogo di capacità.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

ps. non ho trovato il trailer ma vi lascio un piccolo spezzone, l’inizio di tutto…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…

curiosità e controllo

Ci sono due motivazioni molto semplici da confondere per coloro che non sono adetti ai lavori: la curiosità e il controllo. Entrambe portano a cercare di sapere il più possibile su un argomento, ma per ragioni molto diverse. Vi siete mai fermati a pensarci?

il leone e i buoi

Dicono che una volta c’era un leone che voleva mangiare un piccolo gregge di quttro buoi. Ogni volta che si avvicinava da un lato o dall’altro, i buoi si mettevano in posizione difensiva, schiena contro schiena, e il leone trovava sempre le corna minacciose ad attenderle.