modestia a parte

Abbiamo già parlato di come questo momento storico la società ci voglia sempre più mediocri perchè siamo più facili da gestire, e di come questo renda sempre più difficile spuntare come individui e trovare la nostra strada, la nostra missione e portarla a termine… anche se le risorse e le potenzialità continuano ad aumentare. E, per fare questo ci vuole anche modesti.

Io e la modestia non siamo mai andate molto d’accordo. Infatti, spesso sono stata ettichettata come immodesta, vanitosa, sfacciata… semplicemente perchè dicevo di saper fare delle cose, perchè parlavo apertamente delle mie capacità, potenzialità, perchè rispondevo alle domande sincera e sicura di me stessa.

La gente, nella loro superficialità non riesce a capire la differenza fra la vanità e l’immodestia. La differenza più importante è il confronto con gli altri, quando dico di essere brava sto scomettendo su di me, se rispondo a una domanda con la versione migliore di me sto semplicemente dandomi l’opportunità di diventarlo sempre di più, è un segno di forza. Invece, quando mi vanto, sto dicendo di essere migliore di qualcuno, non sto più parlando della mia bravura. Sto svalutando gli altri per poter spuntare, e questo è un segno di debolezza.

Infatti, sia coloro che si vantano di qualsiasi cosa, che ti raccontano i propri meriti per farti sentire che i tuoi sono meno, sono gli stessi che pensano tu ti stia vantando quando semplicemente parli di quello che sai di essere o di saper fare. Per loro tutto è una gara, o vincono loro o devono smontare e sminuire l’avversario. Ed io provo tanta compassione per chiunque lo fa, quando lo fa.

Persino per me, quando mi scappa. Perchè anche a me scappa, a volte, di guardare, ascoltare, o pensare a qualcuno e chiedermi “ma chi si crede di essere?” dimenticando che i suoi atteggiamenti sono solo mostra di una debolezza inconscia e inconsapevole. Ma mi accorgo sempre più in fretta, scendo dalla navicella dei confronti e riprendo la mia strada, come dicevo, piena di compassione.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

cattiveria gratuita

Spesso, soprattutto con i più giovani, mi capita di sentire l’espressione “cattiveria gratuita”: mi tratta, mi parla o l’ha fatto con con cattiveria gratuita. Normalmente spiego loro che io credo che la cattiveria non sia mai gratuita, anzi!

espelliamoli!

Dicono che c’era una volta tanto tempo fa, in un piccolo villaggio, la bottega di un falegname. Un giorno, durante l’assenza del padrone, tutti i suoi arnesi da lavoro tennero un gran consiglio. Ci fu una seduta lunga e animata, in cui si poponeva di escludere dalla onorata comunità degli utensili un certo numero di membri.

Libro delle epoche (2012)

O[/dropcap]ggi voglio parlare di un’altro libro di Igor Sibaldi, Il libro delle epoche, che ho letto perchè sono andata al suo seminario presenziale sulle “Epoche vecchie – Epoche nuove. Come orientarsi nel tempo”, interessantissimo come ogni suo evento. In cui sviluppa l’argomento e lo aggiorna il discorso anche fino al 2019 e oltre.

la ruota della bestia

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di schiavitù moderne, delle cose o persone che ci fanno comportare in modi diversi da quelli che vorremmo, ma abbiamo anche visto e iniziato a sperimentare uno strumento per riprendere i controlli della nostra vita, una versione della ruota della vita che abbiamo chiamato la ruota della bestia perchè racchiudeva il numero 666…

paradossi

I paradossi, secondo wikipedia, sono fatti che contraddicono l’opinione comune o l’esperienza quotidiana, la logica, la razionalità, che porta a una contraddizione, a qualcosa che non riusciamo a comprendere, o a capire, che ci mette in difficoltà.