Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana piena di bugie, malintesi e svolte più o meno scontate: Mia moglie per finta, con Adam SandlerJennifer Aniston  e Nicole Kidman, che sembra abbiano fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

Dopo una delusione d’amore, poco prima di sposarsi, il nostro protagonista decide di non volere avere mai più una storia seria, e scopre per caso che la fede al dito lo aiutava a trovare il tipo di donna che cercava. Fino a quando trova una che potrebbe interessato davvero e l’anello diventa un problema.

Invece di dire la verità, che sarebbe stato semplice ma di esito imprevedibile, per giustificare ogni bugia si inventa un’altra, e un’altra, e un’altra… fino a quando si trova non solo con una moglie finta, ma anche con una finta famiglia, incluso il nuovo amante della moglie da cui sta divorziando per essere libero di sposare la sua nuova fiamma.

 Ve ne parlo perchè dietro ai soliti giocchini di parole e scene ilaranti ci sono dei concetti profondi:

  • amicizia e complicità spesso vengono date per scontate e ignorate alla ricerca di un amore che dovrebbe arrivare e stravolgerci la vita, per bella che essa sia;
  • le bugie, per molte volte che le ripetiamo, non smettono di essere bugie, prima o poi ci mettono nei guai ed uscire è sempre più difficile;
  • quando abbiamo un obiettivo possiamo scoprire di avere delle capacità che mai avremo immaginato.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.

Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino (2005)

Dopo quello dei bambini mi sono letta anche un’altro libro di Adele Faber ed Elaine Mazlish, Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino & Come Ascoltare Perché ti Parlino, dedicato alle problematiche con i ragazzi adolescenti, più grandi, più caparbi e più soggetti a rischi incontrollabili dalla la loro maggiore autonomia.