mediocrità

Uno degli ostacoli che dobbiamo superare se vogliamo diventare persone migliori è quello del condizionamento per la mediocrità a cui siamo sottoposti ogni giorno della nostra vita, dalla famiglia, dalla scuola, dalla tv e da chiunque incontriamo per strada. Un condizionamento inconsapevole tante volte, ma soprattutto ispirato da buone intenzioni.

A scuola, se un bambino va male in inglese e bene in matematica, cosa facciamo? Lo mandiamo a fare lezioni di inglese e gli diciamo che non serve che dedichi molto tempo alla matematica. Così tutti diventiamo minimamente bravi in tutto, mediocri. Tutti in grado di risolvere minimamente i problemi generici… e, allo stesso tempo, incapaci di seguire le nostre passioni, persino di riconoscerle e dare loro l’importanza che meritano.

Difatto, quando si dice che molti geni non hanno superato la scuola, o sono stati riffiutati molte volte prima di avere successo, spesso penso che sono riusciti a sfuggire ai macchinari della fabbrica di mediocrità. Immagino cosa sarebbe successo se Mozart avesse avuto un insegnante privato per rinforzare altre materie scolastiche e non li fosse stato permesso di dedicare tanto tempo alla musica, considerandola qualcosa di poco utile e ancora meno importante. Stessa cosa vale per Einstein, Newton, Edison (di cui arrivarono a dire che non era in grado di imparare alcunchè), e persino Bill Gates dovete abbandonare i suoi studi universitari, perchè non era come gli altri

Ma anche dopo la scuola, tutti abbiamo avuto dei momenti in cui le nostre passioni si sono fatte vive e abbiamo avuto qualcuno, una mamma, un compagno, un figlio, un amico, persino un vicino ben intenzionato… che ti dice “lascia perdere“, non vale la pena, concentrati sulle cose importanti, possibili. Rimani mediocre, rimani sicuro, rimani al tuo posto.

Ma alcuni non l’hanno fatto, non si sono arresi, come J. K. Rowling, come Nelson Mandela, come la nostra Rita Levi Motalcini (che dicono non fosse brava in scienze alle medie) o Alberto Sordi (bocciato all’Accademia dei Filodrammatici per via della sua dizione troppo marcatamente romanesca), alcuni hanno continuato ad ascoltare ciò che veniva da dentro, oltre a quello che dicevano loro da fuori… e non hanno accettato di diventare mediocri. E tu, sei mediocre? O ti rifiuti di esserlo?

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, che ne dite?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

Gli errori delle donne (2010)

Gli errori delle donne (2010)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un di Giorgio Nardone, un manuale breve e semplice chiamato Gli errori delle donne (in amore). In questo libro non parla di disturbi psichici e comportamentali ma di copioni psicoemotivi che le donne mettono in atto nelle relazioni amorose.
Brazil (1985)

Brazil (1985)

Oggi sono di nuovo tornata indietro nel tempo per rivedere Brazil, di Terry Gilliam, con un Robert De Niro fantastico anche se in un ruolo non protagonista, e Jonathan Pryce e Kim Greist, nei panni di una copia tutto tranne che convenzionale.
amare o non amare

amare o non amare

Molte persone decidono di smettere di amare, dopo delle serie più o meno lunghe di frustrazioni e di rapporti che non sono andati come speravano. Dimenticano che rinunciare ad amare è come rinunciare a respirare, a mangiare o a bere.
vivere al limite

vivere al limite

Ci sono persone che dicono di vivere al limite perchè vivono al di là di quello che fanno gli altri, di quello che si aspetta da loro, di quello che sono le convenzioni. Secondo me, in realtà, tutti viviamo al limite. Quelle persone soltanto lo pongono in una posizione diversa, ma tutti viviamo al nostro limite.
amore incondizionato

amore incondizionato

Dicono che c’era una volta un anziano signore che arrivò alle otto di mattina al Pronto Soccorso dell’ospedale per farsi togliere dei punti di sutura da una mano. Aveva molta fretta. Egli diceva che aveva un appuntamento importante alle nove in punto.