l’uomo e la corrente

Dicono che un giorno, un ragazzo e suo nonno camminavano vicino ad un fiume quando videro un cagnolino caduto nell’acqua, il povero piangeva ed abbaiava disperato, non sapeva nuotare, sentiva la corrente che lo trascinava su e giù e riusciva a stento a  respirare. L’anziano si aggrappò ad un ramo per riprenderlo, riuscì nell’intento ma, appena riposto l’animale a terra, quando stava per tornare sui suoi passi, il ramo si spezzò e cadde nel acqua da cui aveva salvato il piccolo.

Il giovane lo seguiva con lo sguardo mentre si avvicinava pericolosamente ad una cascata. Anche altri si accostarono al giovane sulla sponda del fiume temendo per la vita dell’uomo, ma egli miracolosamente riemerse vivo ed illeso ai piedi della cascata. La gente sorpresa gli chiese come fosse riuscito a sopravvivere.

— Nonno, — disse il giovane — come hai fatto? Ti davamo per perso, come sei riuscito a uscire illeso?

— Ho adattato me stesso all’acqua e non l’acqua a me. Senza pensare ho permesso al mio corpo di essere modellato dalla corrente. Tuffandomi nei vortici, ne sono venuto fuori. Così sono sopravvissuto.

— Sei stato un grande… ti guardavamo e ci chiedevamo come fossi riuscito a non fare nulla, a non lottare? Io sarei impazzito!

— Nulla? Non ho detto di non aver fatto nulla. Ho detto che non ho opposto resistenza al fiume, ma ho dovuto lottare con tutte le mie forze i miei pensieri che volevano irrigidirmi. Ho dovuto superare il pensiero “l’acqua è troppo fredda, morirari”, poi, quello “la cascata è troppo pericolosa, morirai”, e poi ancora “non è giusto che per salvare un cagnolino tu debba morire, sei un gran cretino, fai qualcosa!”

Il ragazzo lo ascoltava immaginandosi nella stessa situazione, credeva che non sarebbe riuscito a superare una situazione così difficile…

— E non solo una volta, non solo all’inizio, la lotta è durata tutto il tempo che sono stato in acqua, costantemente, i pensieri continuavano a martellarmi e so che ci proveranno ancora, ma continuero ad impedire loro di bloccarmi perchè mi avrebbero ucciso.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

la mamma felice

Dicono che c’era una volta una madre che aveva un sacco di problemi. Non dormiva, si sentiva esausta, era irritabile, scontrosa e acida. Sempre malata, finché un giorno, all’improvviso, cambiò. La situazione era uguale, ma lei era diversa.

Gli Snicci (1961)

In questi giorni in cui Torino si prepara per il pride mi capita spesso di parlare di discriminazione, non solo per ragioni di orientamento sessuale, ma di ogni genere perchè sono convinta che tutte le discriminazioni siano uguali, anzi, siano la stessa, un modo di escludere alcuni individui per una ragione, che può essere religiosa come in la vita è bella, di età o di qualsiasi tipo. Per fare un esempio, il più semplice, possiamo prendere un libro per bambini, del Dr. Seuss, scritto già in 1961, Gli Snicci.

Now you see me (2013)

Oggi voglio parlarvi di uno di quei film di cui ho amato sia il primo che il secondo e di cui aspetto con ansia il terzo, Now You See Me – I maghi del crimine, con tanti attori famosi, tra cui Mark Ruffalo, Woody Harrelson, Michael Caine e Morgan Freeman. Una meravigliosa storia in cui si mischiano la magia, la giustizia, la ribellione, l’eccellenza e la lotta fra la collaborazione e l’individualità.

responsabilità e collaborazione

Spesso i problemi di comunicazione derivano in problemi funzionali e pratici. Viviamo in società, siamo tutti legati. Ci sembra che le altre persone non vogliano collaborare con noi, non vogliano fare la loro parte e ci arrabbiamo o rattristiamo. Peccato che questo ci fa perdere tanta energia e tempo e non ci fa migliorare la situazione. Parlare di colpe è una delle strade più veloci verso l’insuccesso.