l’importanza del gesto

Nei nostri discorsi spesso parliamo dell’importanza delle parole, sia dette che pensate, nella definizione del nostro mondo, ma la comunicazione è molto di più. C’è anche ilnon verbale che è tutto un mondo a se. Oggi vorrei parlare di una delle modalità del non verbale che sono i gesti, inizialmente in senso lato, ma anche allargato.

I gesti sono molto importanti perchè, a differenza delle parole, superano le barriere linguistiche e logiche e comunicano direttamente con l’inconscio e con la nostra intelligenza analogica o emotiva. Per questa ragione hanno sia un peso maggiore a quello delle parole, che si sa… le porta via il vento… ma anche una velocità di difusione maggiore. Tutti sanno che un’immagine vale più di mille parole, non tutti si rendono conto che è lo stesso per i gesti.

Un abbraccio, un’occhiolino, un pugno minaccioso davanti alla faccia, sono elementi di comunicazione che arrivano in fretta al nostro inconscio e ai quali abbiamo reazioni istintive, che possiamo mediare con la logica solo “dopo” per decidere se reagire o meno allo stimolo gestuale. Inoltre, hanno fama di essere più sinceri, perchè proprio perchè non sono logici è più difficile fingere… si vede subito se un sorriso è  forzato. Perciò possono essere utili per “validare” il messaggio verbale nei casi in cui non ci sembra del tutto vero.

Come dicevamo, questo vale sia in senso letterale (gesti col corpo e col viso), che in senso allargato, un gesto è una dimostrazione di un pensiero, è qualcosa che faccio per ribadire le mie parole e, come tale, come azione, ha un valore vibrazionale un po’ più alto di quello delle parole. Se dico che ti voglio bene ma poi ti tratto male… i gesti nei tuoi confronti smentiranno le mie parole.

Ancora una piccola cosa, occhio alle differenze culturali.Dal momento che i gesti hanno significati senza parole sono più automatici, ma molti sono comunque imparati e culturali. Quando abbiamo  che fare con persone di altre provenienze culturali più o meno lontane potrebbero crearsi malintesi perchè ad uno stesso gesto vengono assegnati significati diversi. Perciò, anche qui come nelle parole, in caso di dissonanza fra verbale e non verbale, è bene usare il verbale per capire quale significato da ognuno ad ogni gesto.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

enneagramma

Al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di un argomento leggermente diverso da quelli delle ultime settimane, anche se sempre utile per conoscerci meglio, comprendere cosa ci muove, le risorse, i pensieri compulsivi, ecc. La semplicità e la chiarezza del sistema lo rendono ideale per l’autoconoscenza, l’educazione, il rapporto di coppia, i rapporti sociali, l’ambito aziendale e qualsiasi dinamica di gruppo.

forza e coraggio

Abbiamo detto in diverse occasioni che il lavoro che facciamo per cambiare punto di vista prevede di “disimparare” il significato che diamo normalmente ad alcune parole. Una di queste parole è “forza”, siete come me, spesso vi sentirete dire che siete forti, ma viene usato in un modo che sembra più una condanna che qualcosa di positivo…

ce l’hai con me?

Dicono che c’era una volta, un uomo disperato dopo una giornata terribile entro in chiesa piangendo e riuscì a parlare con Dio.
— Posso farti una domanda? — chiese.
— Certo — rispose Dio.
— Promettimi che non ti arrabbierai ..
— Prometto — rispose Dio — Non sono uno che si arrabbia così facilmente…

se ti ho incuriosito...