l’importanza del gesto

Nei nostri discorsi spesso parliamo dell’importanza delle parole, sia dette che pensate, nella definizione del nostro mondo, ma la comunicazione è molto di più. C’è anche ilnon verbale che è tutto un mondo a se. Oggi vorrei parlare di una delle modalità del non verbale che sono i gesti, inizialmente in senso lato, ma anche allargato.

I gesti sono molto importanti perchè, a differenza delle parole, superano le barriere linguistiche e logiche e comunicano direttamente con l’inconscio e con la nostra intelligenza analogica o emotiva. Per questa ragione hanno sia un peso maggiore a quello delle parole, che si sa… le porta via il vento… ma anche una velocità di difusione maggiore. Tutti sanno che un’immagine vale più di mille parole, non tutti si rendono conto che è lo stesso per i gesti.

Un abbraccio, un’occhiolino, un pugno minaccioso davanti alla faccia, sono elementi di comunicazione che arrivano in fretta al nostro inconscio e ai quali abbiamo reazioni istintive, che possiamo mediare con la logica solo “dopo” per decidere se reagire o meno allo stimolo gestuale. Inoltre, hanno fama di essere più sinceri, perchè proprio perchè non sono logici è più difficile fingere… si vede subito se un sorriso è  forzato. Perciò possono essere utili per “validare” il messaggio verbale nei casi in cui non ci sembra del tutto vero.

Come dicevamo, questo vale sia in senso letterale (gesti col corpo e col viso), che in senso allargato, un gesto è una dimostrazione di un pensiero, è qualcosa che faccio per ribadire le mie parole e, come tale, come azione, ha un valore vibrazionale un po’ più alto di quello delle parole. Se dico che ti voglio bene ma poi ti tratto male… i gesti nei tuoi confronti smentiranno le mie parole.

Ancora una piccola cosa, occhio alle differenze culturali.Dal momento che i gesti hanno significati senza parole sono più automatici, ma molti sono comunque imparati e culturali. Quando abbiamo  che fare con persone di altre provenienze culturali più o meno lontane potrebbero crearsi malintesi perchè ad uno stesso gesto vengono assegnati significati diversi. Perciò, anche qui come nelle parole, in caso di dissonanza fra verbale e non verbale, è bene usare il verbale per capire quale significato da ognuno ad ogni gesto.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

sfruttare tutto al massimo

Nella settimana scorsa sono andata al mare ogni giorno, dalla matina alla sera, sui lettini, sotto gli ombrelloni, per la prima volta nella mia vita. Qualcuno ha sentito il bisogno di dirmi che non potevo non fare il bagno, che non potevo non prendere il sole, che dovevo sfruttare al massimo le giornate. E ho pensato di condividere con voi la mia riflessione sull’argomento.

il prezzo più alto

Dicono che c’era un gioielliere seduto alla scrivania che guardava distrattamente la strada attraverso la vetrina del suo elegante negozio quando una bambina si avvicinò e schiacciò il naso contro la vetrina. I suoi occhi color del cielo si illuminavano vedendo quegli oggetti esposti.

Anatomia dello Spirito (1996)

Questa estate ho conosciuto (letto) per la prima volta Caroline Myss, una divulgatrice intuitiva e saggia, e mi sono innamorata, mi sono bevuta tre libri senza mai stancarmi del suo modo di raccontare perchè è molto in sintonia con i miei altri maestri. In questo Anatomia dello Spirito, I sette livelli del potere personale mischia e cucina insieme elementi di diverse religioni e spiritualità con un gusto squisito e una chiarezza impressionante.

un punto alla volta

Oggi voglio parlarvi di un’altro dei workshop o piccoli eventi tematici, che stiamo preparando per l’anno prossimo. Si tratta di una giornata di cucito creativo e coaching e si chiama “cambiamo il mondo, un punto alla volta”. Sarà un momento di riflessione, di formazione e di allenamento, e useremo il cucito come attività pratica in cui concentrarci, e con cui mettere in moto delle capacità che poi potremo usare in altri momenti della nostra vita.

se ti ho incuriosito...