l’importanza del gesto

Nei nostri discorsi spesso parliamo dell’importanza delle parole, sia dette che pensate, nella definizione del nostro mondo, ma la comunicazione è molto di più. C’è anche ilnon verbale che è tutto un mondo a se. Oggi vorrei parlare di una delle modalità del non verbale che sono i gesti, inizialmente in senso lato, ma anche allargato.

I gesti sono molto importanti perchè, a differenza delle parole, superano le barriere linguistiche e logiche e comunicano direttamente con l’inconscio e con la nostra intelligenza analogica o emotiva. Per questa ragione hanno sia un peso maggiore a quello delle parole, che si sa… le porta via il vento… ma anche una velocità di difusione maggiore. Tutti sanno che un’immagine vale più di mille parole, non tutti si rendono conto che è lo stesso per i gesti.

Un abbraccio, un’occhiolino, un pugno minaccioso davanti alla faccia, sono elementi di comunicazione che arrivano in fretta al nostro inconscio e ai quali abbiamo reazioni istintive, che possiamo mediare con la logica solo “dopo” per decidere se reagire o meno allo stimolo gestuale. Inoltre, hanno fama di essere più sinceri, perchè proprio perchè non sono logici è più difficile fingere… si vede subito se un sorriso è  forzato. Perciò possono essere utili per “validare” il messaggio verbale nei casi in cui non ci sembra del tutto vero.

Come dicevamo, questo vale sia in senso letterale (gesti col corpo e col viso), che in senso allargato, un gesto è una dimostrazione di un pensiero, è qualcosa che faccio per ribadire le mie parole e, come tale, come azione, ha un valore vibrazionale un po’ più alto di quello delle parole. Se dico che ti voglio bene ma poi ti tratto male… i gesti nei tuoi confronti smentiranno le mie parole.

Ancora una piccola cosa, occhio alle differenze culturali.Dal momento che i gesti hanno significati senza parole sono più automatici, ma molti sono comunque imparati e culturali. Quando abbiamo  che fare con persone di altre provenienze culturali più o meno lontane potrebbero crearsi malintesi perchè ad uno stesso gesto vengono assegnati significati diversi. Perciò, anche qui come nelle parole, in caso di dissonanza fra verbale e non verbale, è bene usare il verbale per capire quale significato da ognuno ad ogni gesto.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.