libertà e responsabilità

Oggi voglio parlarvi di una delle parole che, nel mio lavoro, trovo che crea una grande confusione, e dove c’è confusione possiamo ottimizzare portando consapevolezza. La parola è “Responsabilità”. Secondo l’etimologia della parola, è la capacità di rispondere e con uno sguardo attento possiamo vedere che ha due modalità, da una parte è l’abilità di rispettare gli impegni e dall’altra la capacità di accettare le conseguenze delle proprie azioni.

Ma questa doppia versione nella pratica può essere contradittoria, quando si confonde la responsabilità con l’ubbidienza, essere responsabile è una cosa limitante. Quando si obbliga a rispettare degli accordi e degli impegni che non sono stati né propostiaccettati, ma che sono stati imposti unilateralmente e senza un vero accordo tra le parti.

Quelli che normalmente chiamiamo “doveri“, e che non sono altro che aspettative di altri nei nostri confronti, più o meno condivise, più o meno accettate… Quelli che ci definiscono come persone responsabili secondo la società, e che non fanno altro che distrarci dal nostro reale sviluppo e condizionarci a diventare quello che è più utile alla società… anche se è meno utile a noi stessi.

Io preferisco l’accezione in cui la responsabilità è l’altra faccia della libertà, in cui io sono responsabile delle conseguenze delle mie azioni e per tanto libero di scegliere cosa fare. In questo modo non facciamo quello che dovremo ma quello che crediamo sia meglio.

All’inizio è più difficile perchè tutti si aspettano qualcosa di diverso, perchè hanno paura che non riusciamo a farcela con la nostra testa, per proteggerci, perchè dal momento che non siamo abituati a pensare con la nostra testa, potremmo fare degli sbagli, ma… con la pratica… diventiamo bravi a discernere e prendiamo decisioni migliori.

E tu, cosa preferisci?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…