Le quattro rivelazioni (2012)

Oggi voglio parlarvi di un’altro libro molto speciale, di Alberto Villoldo, molto meno conosciuto di altri autori di cui vi ho parlato, ma a mio modo di vedere, particolarmente interessante: Le Quattro Rivelazioni. È un libro sullo sciamanesimo e sulla cultura e spiritualità dei laykas, popolo ancestrale peruviano, che sapevano come accedere a mondi paraleli pieni di nuove possibilità.

I laika hanno una teologia sia maschile (come le più grandi religioni di oggi, cristiani, ebrei, musulmani) sia femminile, come la maggior parte delle teologie primitive. Danno importanza sia alla meditazione che alla sperimentazione, e alla comunicazione diretta con la deità, che è sia dentro che fuori di noi.

Per loro, noi possiamo vivere in quattro diversi livelli di coscienza e questi determinano altretanti livelli di percezione, ognuno con un animale sacro e delle capacità per risolvere dei problemi. La maggior parte di noi si ferma a vivere e a scoprire soltanto i primi livelli, con l’aiuto della società in cui viviamo, ma libri come questo ci mostrano la via per andare oltre.

L’aspetto della conoscenza dei Laika a cui è dedicato questo libro sono le seguenti quattro rivelazioni, ciascuna delle quali prevede quattro pratiche che ci consentono di andare oltre la semplice comprensione, portandoci a sperimentare dei cambiamenti di percezione, vale a dire aiutandoci a trasformare noi stessi e la nostra realtà. Le rivelazioni e le rispettive pratiche sono elencate qui di seguito. Non sono esercizi, ma pratiche, gli esercizi proposti sono solo esempi, la cosa importante è praticare le nuove credenze e/o abitudini il maggior tempo possibile.

  • Prima rivelazione: la via dell’eroe -> Pratiche: il non giudizio, il non soffrire, il non attaccamento, la bellezza.
  • Seconda rivelazione: la via del guerriero di luce -> Pratiche: la mancanza di paura, il non fare, la certezza, il non coinvolgimento.
  • Terza rivelazione: la via del veggente -> Pratiche: la mente del principiante, il vivere con coerenza, la trasparenza, l’integrità.
  • Quarta rivelazione: la via del saggio -> Pratiche: la padronanza del tempo, la padronanza delle proiezioni, il vuoto mentale, l’alchimia indigena.

Se non l’avete letto ve lo consiglio vivamente… se l’avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

ancora seduzione…

Continuando con il discorso della settimana scorsa, e con l’acronimo, vedremo le altre componenti che sono rimaste senza dettagliare nel primo articolo… eravamo rimaste allo zoom…

apprezzare e disprezzare

Una delle premesse del nuovo paradigma che facciamo più fatica a interiorizzare è il fatto che si dice che la realtà è neutra, che non è nè bella nè brutta, nè positiva nè negativa, nè giusta o sbagliata. Questo succede principalmente perchè ci hanno insegnato che c’è qualcosa di corretto e perfetto e che tutto il resto deve essere aggiustato.

tirare alla cieca

C’era una volta un Maestro zen che era un vero campione nell’arte del tiro con l’arco. Una mattina invitò il suo discepolo preferito a osservare una dimostrazione della sua abilità. Anche se l’aveva visto centinaia di volte, comunque obbedì al suo Maestro. Si recarono nel bosco accanto al monastero e raggiunsero un albero di quercia.

Il piccolo principe (1943)

Oggi voglio parlare di uno dei libri classici dello sviluppo personale anche se non è scritto da un guru, ma da un aviatore e scrittore, una persona con una personalissima capacità di osservare il mondo, Il piccolo principe, amato da tutti e da tenere sempre presente quando ci troviamo troppo imprigionati nei nostri ruoli di adulti.

Marina (2013)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film basato su una storia vera, italiana questa volta, la storia di un uomo eccezionale, Rocco Granata, che ha fatto sognare molte persone con la sua musica, e con la canzone che da titolo al film: Marina. Una musica leggera, ballabile, e allegra, che poco fa immaginare delle difficoltà che ha dovuto attraversare nella sua vita.

se ti ho incuriosito...