Le cinque persone che incontri in cielo (2003)

Oggi parliamo di nuovo di un romanzo, Le cinque persone che incontri in cielo, di Mitch Albom, che parla delle persone che sono state importanti nella nostra vita, così tanto da esserlo anche dopo, anche se alcune non le ricordiamo nemmeno e altre abbiamo fatto di tutto per dimenticarle… È una storia bellissima e commovente, ci hanno fatto anche un film, ma non l’ho trovato in italiano.

Il libro racconta la storia di Eddie, un uomo vecchio e stanco di vivere che muore in un incidente, nel luna park in cui lavorava. E, subito dopo va in cielo, perchè anche se aveva fatto sia cose belle che brutte, in fondo era una brava persona. Infatti, muore cercando di salvare una bambina. E la domanda che più spesso fa a tutti quelli che incontra è se è riuscito nel suo intento o meno… perchè il suo ultimo ricordo sono le mani della bambina.

Una volta in cielo incontra cinque persone che gli spiegano delle cose che non aveva capito durante la sua vita. Alcune le aveva incontrate per poco tempo, come il signore che era morto per evitare di investirlo da piccolo,  e non sapeva niente di loro di perchè si trovavano li e di cosa aveva condiviso con loro. Altre non le aveva nemmeno incontrate ma le loro vite in qualche modo avevano condizionato la sua, come quella della signora per amore della quale era stato creato il luna park in cui lavorava. Altre che aveva conosciuto bene, con cui aveva condiviso tempo ed emozioni, con cui aveva dei segreti che non aveva mai affrontato e con cui c’erano ancora domande a cui non aveva mai dato risposte.

Il tutto condito con dei ricordi della sua vita, e delle vite delle persone che incontra. Perchè, come dice alla fine l’autore, ogni storia è solo una parte di una storia più grande. E ogni storia più grande è parte della Storia che intreccia tutte le storie di ognuno di noi.

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.