Le cinque persone che incontri in cielo (2003)

Oggi parliamo di nuovo di un romanzo, Le cinque persone che incontri in cielo, di Mitch Albom, che parla delle persone che sono state importanti nella nostra vita, così tanto da esserlo anche dopo, anche se alcune non le ricordiamo nemmeno e altre abbiamo fatto di tutto per dimenticarle… È una storia bellissima e commovente, ci hanno fatto anche un film, ma non l’ho trovato in italiano.

Il libro racconta la storia di Eddie, un uomo vecchio e stanco di vivere che muore in un incidente, nel luna park in cui lavorava. E, subito dopo va in cielo, perchè anche se aveva fatto sia cose belle che brutte, in fondo era una brava persona. Infatti, muore cercando di salvare una bambina. E la domanda che più spesso fa a tutti quelli che incontra è se è riuscito nel suo intento o meno… perchè il suo ultimo ricordo sono le mani della bambina.

Una volta in cielo incontra cinque persone che gli spiegano delle cose che non aveva capito durante la sua vita. Alcune le aveva incontrate per poco tempo, come il signore che era morto per evitare di investirlo da piccolo,  e non sapeva niente di loro di perchè si trovavano li e di cosa aveva condiviso con loro. Altre non le aveva nemmeno incontrate ma le loro vite in qualche modo avevano condizionato la sua, come quella della signora per amore della quale era stato creato il luna park in cui lavorava. Altre che aveva conosciuto bene, con cui aveva condiviso tempo ed emozioni, con cui aveva dei segreti che non aveva mai affrontato e con cui c’erano ancora domande a cui non aveva mai dato risposte.

Il tutto condito con dei ricordi della sua vita, e delle vite delle persone che incontra. Perchè, come dice alla fine l’autore, ogni storia è solo una parte di una storia più grande. E ogni storia più grande è parte della Storia che intreccia tutte le storie di ognuno di noi.

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

auguri e desideri

Al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo ancora di enneatipi, di ali e di livelli di salute. Perchè sebbene tutta questa storia dell’enneagramma sia molto semplice può essere anche ingannosa nel momento in cui crediamo di aver capito tutto e lo usiamo per giudicare e prevedere invece che per comprendere.

normale manutenzione

Come dicevamo la settimana scorsa, di nuovo è arrivato dicembre, momento di regali di Natale e anche di bilanci. Mi sembra una sana abitudine (non tutto è da buttare nel solito modo di fare) quella di approfittare di questo mese per fare dei bilanci. Delle cose che abbiamo, delle cose che volevamo, delle cose che abbiamo raggiunto o perso, di quelle a cui abbiamo rinunciato.

uscire dal bozzolo

Dicono che un giorno, apparve un piccolo buco in una crisalide e un uomo gentile ed educato, che passava di lì per caso, si fermò ad osservare la farfalla che, per varie ore, si sforzava per uscire da quel piccolo buco, ma era troppo piccolo, faceva troppa fatica,...

Fai Spazio nella Tua Vita (2016)

Oggi voglio parlare di un libro di cui mi sono innamorata tante volte che ho perso il conto. L’autore è Paolo Borzacchiello, uno dei massimi esperti di intelligenza linguistica applicata al business, e il libro si chiama La parola magica. L’ho comprato per caso ma… mentre lo leggevo, con una amica l’ho definito un corso di pnl e communicazione efficace travestito di romanzo, tra l’altro con una tematica e personaggi affascinanti.