Le cinque persone che incontri in cielo (2003)

Oggi parliamo di nuovo di un romanzo, Le cinque persone che incontri in cielo, di Mitch Albom, che parla delle persone che sono state importanti nella nostra vita, così tanto da esserlo anche dopo, anche se alcune non le ricordiamo nemmeno e altre abbiamo fatto di tutto per dimenticarle… È una storia bellissima e commovente, ci hanno fatto anche un film, ma non l’ho trovato in italiano.

Il libro racconta la storia di Eddie, un uomo vecchio e stanco di vivere che muore in un incidente, nel luna park in cui lavorava. E, subito dopo va in cielo, perchè anche se aveva fatto sia cose belle che brutte, in fondo era una brava persona. Infatti, muore cercando di salvare una bambina. E la domanda che più spesso fa a tutti quelli che incontra è se è riuscito nel suo intento o meno… perchè il suo ultimo ricordo sono le mani della bambina.

Una volta in cielo incontra cinque persone che gli spiegano delle cose che non aveva capito durante la sua vita. Alcune le aveva incontrate per poco tempo, come il signore che era morto per evitare di investirlo da piccolo,  e non sapeva niente di loro di perchè si trovavano li e di cosa aveva condiviso con loro. Altre non le aveva nemmeno incontrate ma le loro vite in qualche modo avevano condizionato la sua, come quella della signora per amore della quale era stato creato il luna park in cui lavorava. Altre che aveva conosciuto bene, con cui aveva condiviso tempo ed emozioni, con cui aveva dei segreti che non aveva mai affrontato e con cui c’erano ancora domande a cui non aveva mai dato risposte.

Il tutto condito con dei ricordi della sua vita, e delle vite delle persone che incontra. Perchè, come dice alla fine l’autore, ogni storia è solo una parte di una storia più grande. E ogni storia più grande è parte della Storia che intreccia tutte le storie di ognuno di noi.

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Metti la nonna in freezer (2018)

Oggi voglio parlarvi di una commedia italiana, di quest’anno, con Fabio De Luigi e Miriam Leone, Metti la nonna in freezer. Una storia meravigliosa sulle regole, sulla gente che le fa rispettare e quella che le infringe, con grande immaginazione, con la inventiva, che ha creato il malcostume italico determinato a stanare falsi invalidi, cronici evasori e impiegati in cerca di mazzette.

archetipi personali

In questo mese di ottobre, continueremo a parlare di archetipi, e al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di alcuni vedremo come individuare i propri archetipi personali e come sfruttare al meglio quest’informazione. Vedremo una serie di archetipi che possiamo definire di base e universali seguendo il libro di Caroline Myss e come capire se ci appartengono o meno.

il peso karmico

Oggi voglio parlare di karma e del peso che può avere nelle nostre vite… Spesso incontro persone che mi fanno notare quanta fatica fanno a ottenere cose che per altri sono, o sembrano, semplici. Gente che si lamenta di quanto sia difficile la convivenza con la propria famiglia o il proprio lavoro e quanto sembrino leggere le famiglie o i lavori degli altri.

una persona sgradevole

Dicono che c’era una volta, su di un volo di una nota compagnia aerea sulla rotta che va da Johannesburg a Londra, una donna bianca, di circa 50 anni, che dovete prendere posto in classe economica di fianco ad un giovane uomo nero.

se ti ho incuriosito...