Le cinque persone che incontri in cielo (2003)

Oggi parliamo di nuovo di un romanzo, Le cinque persone che incontri in cielo, di Mitch Albom, che parla delle persone che sono state importanti nella nostra vita, così tanto da esserlo anche dopo, anche se alcune non le ricordiamo nemmeno e altre abbiamo fatto di tutto per dimenticarle… È una storia bellissima e commovente, ci hanno fatto anche un film, ma non l’ho trovato in italiano.

Il libro racconta la storia di Eddie, un uomo vecchio e stanco di vivere che muore in un incidente, nel luna park in cui lavorava. E, subito dopo va in cielo, perchè anche se aveva fatto sia cose belle che brutte, in fondo era una brava persona. Infatti, muore cercando di salvare una bambina. E la domanda che più spesso fa a tutti quelli che incontra è se è riuscito nel suo intento o meno… perchè il suo ultimo ricordo sono le mani della bambina.

Una volta in cielo incontra cinque persone che gli spiegano delle cose che non aveva capito durante la sua vita. Alcune le aveva incontrate per poco tempo, come il signore che era morto per evitare di investirlo da piccolo,  e non sapeva niente di loro di perchè si trovavano li e di cosa aveva condiviso con loro. Altre non le aveva nemmeno incontrate ma le loro vite in qualche modo avevano condizionato la sua, come quella della signora per amore della quale era stato creato il luna park in cui lavorava. Altre che aveva conosciuto bene, con cui aveva condiviso tempo ed emozioni, con cui aveva dei segreti che non aveva mai affrontato e con cui c’erano ancora domande a cui non aveva mai dato risposte.

Il tutto condito con dei ricordi della sua vita, e delle vite delle persone che incontra. Perchè, come dice alla fine l’autore, ogni storia è solo una parte di una storia più grande. E ogni storia più grande è parte della Storia che intreccia tutte le storie di ognuno di noi.

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

A.M.O.R.E.

Martedì prossimo, all’evento di facciamo pace parleremo di un nuovo acronimo che farà la nostra vita migliore ogni volta che riusciremo a metterlo in pratica. Qualcosa che ci aiuterà a cambiare il senso in cui gira la spirale della nostra vita, passando dei circoli viziosi della paura a quelli virtuosi dell’amore.

non dovevi

Una di quelle frasi che molti ripetono per “educazione” senza pensare bene cosa vuol dire, cosa stanno dicendo in realtà è “non dovevi”. Tipo quando ricevono un regalo, un favore, una spiegazione. Oggi vorrei riflettere un secondo su quanto possa essere distruttiva questa frase.

Anatomia della Coppia (2015)

In questi giorni ho letto il libro di Erica Francesca Poli, Anatomia della Coppia, I sette principi dell’amore. Un compendio di tante cose, con tanti spunti interessanti, dalla spiritualità alle neuroscenze e tante fonti, alcuni che conoscevo e altre che ho scoperto grazie a lei.