responsabilità e collaborazione

Spesso i problemi di comunicazione derivano in problemi funzionali e pratici. Viviamo in società, siamo tutti legati. Ci sembra che le altre persone non vogliano collaborare con noi, non vogliano fare la loro parte e ci arrabbiamo o rattristiamo. Peccato che questo ci fa perdere tanta energia e tempo e non ci fa migliorare la situazione. Parlare di colpe è una delle strade più veloci verso l’insuccesso.

includere o escludere

Spesso, quando faccio mediazioni di coppia, in famiglia o anche al lavoro, mi trovo a proporre il linguaggio inclusivo da usare al posto di quello esclusivo, e (quasi) tutti si sorprendono di quanto potere abbia un cambiamento così piccolo. Solo qualche pronome, qualche forma verbale alla prima persona del plurale e tutto cambia.

non ti preoccupare

Una delle cose che molte volte fraintendiamo è il bisogno e l’utilità della preoccupazione, spesso mi capita di dire a qualcuno di preoccuparsi meno e mi risponde che non è possibile, che deve preoccuparsi, che se non si preoccupasse sarebbe senza cuore. Invece, il cuore non si preoccupa, non capisce niente di futuro e di passato.

Moglie a sorpresa (1992)

Oggi voglio parlarvi di un’altro dei miei film preferiti di sempre, con due dei miei attori preferiti, Steve Martin e Goldie Hawn Moglie a sorpresa, una storia fantastica perchè parla di come la fantasia può aggiustare qualsiasi cosa, di come può colorare la nostra vita e le nostre giornate, poco a poco e in maniere che la logica non potrebbe nemmeno immaginare.

Cambia la tua vita con un click (2006)

Oggi voglio parlarvi di quello che potrebbe sembrare un’altro filmetto da pomeriggio piovoso, Cambio vita con un click, ma volendo può veramente insegnarci qualcosa sui valori e le priorità, e sul nostro potere di scegliere, ma anche di accettare e di cambiare.

il principio di Peter

Oggi, per la giornata dei lavoratori, voglio parlare di un altro dei “principi” paradossali che possiamo osservare nelle aziende ed è il “principio di Peter“, formulato da Laurence J. Peter, secondo il quale “ogni lavoratore viene promosso fino al suo livello di incompetenza”. E questo spiega come mai troviamo così spesso delle persone incompetenti ai piani alti. Non lo sono sempre stati (incompetenti).

I soldi fanno la felicità (2006)

Oggi voglio parlarvi di un libro I Soldi Fanno la Felicità, un libro di Alfio Bardolla, uno dei principali formatori in materia di intelligenza finanziaria in Italia. Un libro completo che parla sia di psicologia che di finanza, perchè non basta solo una delle due materie per sviluppare una solida libertà finanziaria. Non condivido tutto quello che dice perchè a volte è un po’ esagerato… ma, direi che è una buona riflessione.

l’importanza del piano B

Nel prossimo evento di facciamo pace, dopo le feste, per iniziare bene l’anno, parleremo dei buoni propositi per il nuovo anno e per il resto della nostra vita, ma soprattutto di come creare una vita di cui esserne fieri. Perchè il mio augurio per il vostro 2018 è che sia un anno di cui sarete orgogliosi per sempre.

per essere fieri

Nel prossimo evento di facciamo pace, dopo le feste, per iniziare bene l’anno, parleremo dei buoni propositi per il nuovo anno e per il resto della nostra vita, ma soprattutto di come creare una vita di cui esserne fieri. Perchè il mio augurio per il vostro 2018 è che sia un anno di cui sarete orgogliosi per sempre.

riprendere i comandi

Nel prossimo evento di facciamo pace, dopo le feste, per iniziare bene l’anno, continueremo il nostro percorso di liberalizzazione dai condizionamenti e cercheremo di capire se è possibile prendere un ruolo più attivo nella nostra vita, e soprattutto del perchè e del come farlo… parleremo di buoni propositi, di desideri, e di come evitare che rimangano sogni nel cassetto.

Si può fare (2008)

Oggi voglio parlare di nuovo di un film molto carino, Si può fare, che parla di persona speciali, diverse da tutte le altre, ma questa volta in maniera realistica, anzi, rende omaggio alle esperienze simili che ci sono state veramente in Italia. Si parla di pazzi, di persone che non ragionano come le altre, e vengono confinate e “tenute buone“, facendole vivere al minimo perchè non facciano danni.

la vite

Dicono che una volta il proprietario di un macchinario molto complesso ebbe un problema, chiamò diversi tecnici ma nessuno fu in grado di ovviare al problema di questo macchinario. Era disperato, aveva tutta la pianta di produzione ferma, i clienti che lo pressavano per ricevere gli ordini inscadenza, doveva comunque pagare dipendenti e rischiava che le materie prime andassero perse se si protraeva troppo l’attesa.

essere, fare, avere

Nel prossimo evento di facciamo pace, parleremo di chi siamo, chi crediamo di essere, chi sentiamo di essere, chi vorremmo essere, e chi potremmo diventare. E parlando di essere, parleremo anche di fare e avere, che sono tre verbi molto legati e con una interrelazione che spesso fraintendiamo, e ci sentiamo frustrati. Il vecchio paradigma diceva che bisogna avere e fare per poter essere, ma il nuovo paradigma ha capovolto l’ecuazione, e risulta molto più efficace.

inferno e paradiso

Dicono che, molto tempo fa, in un luogo molto lontano, una notte senza stelle c’era un ubriaco che cercava distrattamente le proprie chiavi di casa. La scena era abbastanza comica, con una mano afferrava ancora la bottiglia quasi vuota, e con l’altra si teneva al lampione, in un equillibrio precario e ballerino. Con gli occhi rossi mezzi chiusi canticchiava mentre sperava di trovarle, prima che gli passasse l’euforia, per poter rientrare e finalmente dormire beato noncurante degli effetti della sbornia il giorno dopo.

che fastidio!

Ieri all’evento di facciamo pace, come promesso, abbiamo continuato a parlare di come gestire i nostri problemi con gli altri. Ma questa volta più dal punto di vista di come imparare qualcosa per noi, dell’atteggiamento che ci fa stare male, del fastidio che proviamo, in certe situazioni. E non parliamo di fastidio fisico come quello delle unghie sulla lavgana, ma di fastidio psicologico, come quello che possono dare una mancanza di rispetto, le urla, o le ingiustizie… che ad alcune persone sembra più gravi che ad altre.

Yes man (2008)

Oggi torniamo a parlare di un film con Jim Carrey, Yes man, un invito all’azione. Un invito a non arrenderci mai, a non chiuderci in noi stessi, a non lasciare che le difficoltà ci fermino, a non lasciare che la vita vada avanti guardandola come semplici spettatori, per paura, o paura della paura, o paura della paura della paura…

io non l’avrei mai fatto!

La prossima settimana all’evento di facciamo pace, continueremo a parlare di come gestire i nostri problemi con gli altri, ma ci concentreremo di più su cosa li crea… le “nostre” credenze con cui ci facciamo del male gratuitamente e senza nessun bisogno, credenze su noi stessi, sugli altri e sul mondo. Credenze con cui confrontiamo quello che ci succede per capire se è giusto. Cercando il conforto del “deve” essere così per non prenderci le nostre responsabilità senza dover scegliere per noi stessi.

Oltre la lavagna (2011)

Oggi vi parlo di uno di quei film ispirati ad una storia realmente accaduta che ci riempiono di speranza e che bisognerebbe rivedere ogni tanto, Oltre la lavagna. Una bellissima storia di una persona che, trovandosi davanti a se quello che molti chiamerebbero un lavoro impossibile, all’interno di una istituzione che non aiuta perchè si perde nella burocrazia e nelle scuse… riesce sia a responsabilizzarsi di quel piccolo che riesce a fare che a continuare ad insistere nella ricerca di supporto finchè lo trova.

i problemi con altri

Ieri all’evento di facciamo pace, come promesso, abbiamo parlato di come gestire i nostri problemi con gli altri. Di come reagire nel modo migliore, senza perderci nel rispondere a quello che sentiamo come delle provocazioni. Perchè si sa, non bisogna mai discuttere con uno stupido, perchè ti porta nel suo terreno e ti vince per esperienza.

il problema sono gli altri

L’altra domanda ricorrente, quando ci avviciniamo al nuovo paradigma è cosa fare quando il problema sono gli altri. Quando ho un capo umorale, una mamma invadente, un fidanzato geloso o amici che mi ignorano… in tutte queste situazioni, il problema sono gli altri, io ho un atteggiamento positivo, proattivo e collaborativo perchè ho capito che siamo una squadra ma… loro no!

Monsters and Co (2001)

Oggi vi parlo di un film di animazione, Monsters & Co, che avrà sempre un posto speciale nel mio cuore. L’ho amato anche prima che nascessero le mie bambine, l’ho visto un milione di volte con loro e ancora oggi, se mi capita lo vedo volentieri, e ogni volta imparo qualcosa di nuovo… sia sui mostri, che sui bambini e su tutti noi. Sia sulle paure che sull’amicizia, che sulla fiducia…

Vivere senza il capo (2009)

Anche oggi un libro molto pratico, di un autore spagnolo che adoro per la sua capacità di semplificare e di parlare di cuore (potete vedere molti suoi video su youtube). Vivere senza capo è una riflessione sugli errori più frequenti che uno incontra quando cerca di indipendizzarsi economicamente dal lavoro dipendente senza aver preso le giuste precauzioni. Sergio Fernandez vuole, con questo libro, evitare che tutti cadiamo negli stessi errori, e che impariamo anche di quelli degli altri.

Il codice del denaro (2012)

Oggi torniamo ai libri più pratici con Il codice del denaro di Raimon Samsò, coach finanziario professionale e autore di successo grazie, soprattutto, alla sua capacità di spiegare concetti di grande complesità in termini chiari e alla portata di tutti. In questo libro ci parla di libertà finanziaria, di cosa significa, di come la maggior parte di noi la allontana involontariamente, di come ottenerla, di come mantenerla.

patti chiari, amicizie lunghe

Essendo amante delle parole fin da piccola, una delle mie passioni più vecchia è quella per i proverbi e, da quando ho iniziato a viaggiare e parlare altre lingue, amo imparare i proverbi dei posti che visito perchè credo definisco una cultura molto profonda radicata nei cuori delle persone che parlano quelle lingue, in modo più o meno conscio. Molti proverbi hanno dei simili in tutte le lingue che conosco. Ma questo mi è risultato nuovo perchè in spagnolo non conoscevo niente di simile.

Detto, fatto (2001)

Per come faccio io il coaching olistico, tenendo in considerazioni aspetti spirituali e pratici, psicologici e filosofici… il mio conflitto più grande è quello tra la parte di noi che vuole accettare le cose così come sono, e quella che vuole raggiungere obiettivi. Normalmente vi parlo di libri più psicologici e filosofici, ma oggi ho scelto uno molto più pratico. Detto, fatto di David Allen.

intelligenza artificiale

Ci sono tanti film che parlano dell’Intelligenza Artificiale, di robot così perfetti che diventano umani, così umani da avere persino i nostri diffetti, da Terminator, all’uomo bicentenario. Anche la letteratura ne è piena, da Assimov a Huxley. Ma, nella realtà non siamo ancora arrivati, per fortuna o per sfortuna, anche se abbiamo smartphone intelligenti, lavatrici intelligenti o frigoriferi intelligenti, non è la stessa cosa.

Un Tirchio quasi Perfetto (2016)

Oggi vi parlo di un film che inizia con una lezione di psicobiologia, forse non proprio una lezione, meglio un esempio. Se ricordate, quando parlavamo delle quattro vite, dicevamo che tutte le memorie immagazzinate nella nostra mente quando eravamo solo un esserino in costruzione dentro de la pancia della mamma possono controllare la nostra vita senza che ci rendiamo conto. Questo film lo dimostra, o meglio, mostra la storia di un uomo fedele fino all’inverosimile a quell’ordine della mamma, una settimana prima di nascere, di non diventare uno spendaccione come suo padre.

Bronx (1993)

Anche oggi vi voglio parlare di un film non nuovissimo, Bronx Tale, un film molto particolare perchè scritto e diretto dai due protagonisti, due giganti del cinema americano: Robert De Niro e Chazz Palminteri… Questo mi ha incuriosito, e mi ha portato al cinema ma… se ve ne parlo è per il messaggio che trasmette, e per una frase, una domanda, che trovate persino nel trailer: “è meglio essere amati o mettere paura?”.

perchè mentiamo con gli occhi… (2006)

In questro libro, Allan e Barbara Pease, marito e moglie, oltre che due tra i massimi esperti mondiali di comunicazione e linguaggio del corpo, ci accompagnano in un viaggio tra conscio e inconscio, gesti e differenze culturali… Secondo me nulla è così chiaro e semplice, ma se prendiamo ogni loro affremazione come spunto di rifflessione possiamo guadagnare tanto…

La leggenda del re pescatore (1991)

In questi giorni a Torino stiamo vivendo dei momenti paradossali, di violenza, pazzia, incidenti… Siamo diventati famosi nel mondo per un attentato che non c’era stato… e che comunque ha fatto più di mille cinquecento feriti e persino un morto. E leggendo i comenti su facebook vedo solo rabbia, paura, e indignazione… Non posso evitare ricordare questo film quando leggo questi commenti che sembrano innocenti, scherzosi, ironici, ma che parlano di noi e loro!

realismo e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, parleremo del concetto di realtà, cos’è, cosa non è. E soprattutto come distinguere la realtà di quello che noi crediamo che lo sia, e come dividere lo spazio fra le due in livelli… per ottimizzare a poco a poco…

Soldi, soldini, soldoni…

Martedì prossimo, all’incontro di facciamo pace parleremo di soldi. Si, si, di soldi, direttamente, per capire che ruolo hanno nella nostra vita e come farli lavorare per noi e non diventare loro schiavi.

Abbondanza

Martedì prossimo, all’incontro di facciamo pace parleremo di Abbondanza. Parleremo principalmente di cosa intendiamo per abbondanza, perchè è un concetto personale, diverso per ognuno di noi. Anche di come funziona l’abbondanza, a cosa risponde, come fare per chiamarla, come avevamo detto quando parlavamo di desideri… E delle reagioni per cui ancora non l’abbiamo trovata… o, almeno, non perfetta come l’avevamo immaginata.

lavorare il minimo possibile

icono che "lavoriamo il minimo indispensabile perchè non ci mandino via e ci pagano il minimo necessario perchè non andiamo via noi". Forse in molte aziende è così ma io preferisco pensare che non in tutte. Perchè mi sembra una prospettiva molto...

mi fido di te (2007)

no dei miei film italiani preferiti di tutti i tempi è questo Mi fido di te, per Ale e Franz che adoro (e con i cui dialoghi quando sono arrivata in Italia ho imparato molti doppi sensi), ma soprattutto per gli argomentio, l'amicizia, la fiducia,...

soluzione assente

eri, all'incontro di facciamo pace abbiamo parlato della diferenza fra volere, desiderare, e avere bisogno. E abbiamo parlato della differenza fra problemi e soluzioni assenti, un concetto che ho imparato quando studiavo europrogettazione e che da...

il nemico comune

na delle strategie che uso spesso quando faccio mediazione è la ricerca del nemico comune. Perchè se, o quando, riusciamo a trovare un nemico "esterno" comune, i problemi "interni" diventano meno importanti e si può coltivare quello che hanno in...