l’anno nuovo

E, dopo il Natale, arriva il capodanno. Non so voi ma io mi accorgo che ogni anno sembra passare più in fretta. Delle migliaia di cose che avrei voluto fare mi sembra di non avere fatto quasi niente, così a occhio… o almeno di non averle finite. Capita anche a voi?

 Pero… se mi ci metto a scrivere, quello che volevo fare, quello che ho fatto, i problemi che ho incontrato, come li ho risolto, il punto in cui ero e quello in cui sono adesso. Se mi fermo a guardare, vedo che ho fatto molto più di quanto sembra.

Forse non ho ancora pubbliccato il mio libro, ma forse ci sono quasi e, comunque, ne ho letto più di 50 in un anno. Forse non ho ancora trovato il fidanzato che cerco, ma ho passato tanti di quei momenti meravigliosi con gli amici…

Forse non ho guadagnato tanto quanto avrei voluto, ma ho avuto tanto tempo da dedicare alle mie figlie, a me stessa, al cane, ai miei hobbies, agli amici e alla mia casa…

Forse non abbiamo fatto tutto quello che volevamo ma, come abbiamo detto negli incontri prima di Natale, forse è stato perchè alcune delle cose che volevamo erano incompatibili fra di loro. Anzi, sicuramente era così…

In ogni caso il 2018 è finito, andato. Facciamo bilanci e stati di avvanzamento, facciamoli ogni volta che possiamo, per capire dove siamo, dove stiamo andando e come ci stiamo andando.

 Per il 2019 CI auguro di accrescere la consapevolezza che aiuta a uscire dalla prigione del passato, cambiando il presente, perchè il futuro sommigli di più a quello che vogliamo!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…