L’amore ha due facce (1996)

Oggi voglio parlarvi di un film vecchiotto diretto e protagonizzato da Barbra Streisand, con Pierce Brosnan e Jeff BridgesL’amore ha due facce. Un’altra commedia romantica sulla paura dell’amore fisico e passionale che fa perdere il controllo e sull’amore come amicizia, come condivisione, come convivenza, sicuro e prevedibile…

Il film  racconta la storia di un professore di matematica che decide di rinunciare ala parte passionale del rapporto di coppia e di una professoressa di letteratura che decide di stare al gioco e si sposa ma il desiderio sessuale, scacciato dalla porta, rientrerà dalla finestra. Perchè non si può razionalizzare tutto, perchè anche le emozioni vogliono la loro parte, e possono distruggerci.

Una donna che è sempre stata spronata dalla madre, con le migliori intenzioni, perchè non è abbastanza bella, carina, delicata, a mangiare meno, a truccarsi di più, e che in fondo vuole solo essere amata in tutto e per tutto, per quello che è.

É un film che parla di rinunce e sacrifici, e dimostra come dicevamo qualche settimana fa, quando sacrifico qualcosa per ottenere qualcos’altro, se poi non lo ottengo… rimango senza niente. Fa vedere come ogni eccesso sia una rinuncia. Sia quando ci concentriamo sulla bellezza, su diventare attraenti, rinunciando ad essere noi stessi, che quando ci nascondiamo nella razionalità rinunciando alle emozioni.

E solo riprendendoci il controllo e cercando di essere noi stessi in tutto e per tutto, possiamo rischiare di essere felici.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.

Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino (2005)

Dopo quello dei bambini mi sono letta anche un’altro libro di Adele Faber ed Elaine Mazlish, Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino & Come Ascoltare Perché ti Parlino, dedicato alle problematiche con i ragazzi adolescenti, più grandi, più caparbi e più soggetti a rischi incontrollabili dalla la loro maggiore autonomia.