non so perchè la chiamano zona di comfort…

Mi sono sempre chiesta perchè la chiamano Zona di Comfort, quando si tratta di uno spazio in cui non ci troviamo bene per niente, dovrebbero trovare un’altro nome. Per esempio “zona di sopravvivenza, di conservazione, di salvezza“, “nascondino“, o “freezer“. O, come dicono i bambini quando giocano “casa“.

Mi spiego meglio, la cosidetta zona di comfort è uno spazio protetto inventato dall’ego per tenerci in salvo, per proteggerci e impedirci di combinare guai, di farci del male o persino di morire. Peccato che l’ego ha tre grandi difficoltà: è un fifone, è un po’ masochista ma soprattutto non capisce la differenza fra le cose vere e quelle immaginate. Perciò spesso ci protegge anche della possibilità di migliorare, di guarire, di cambiare.

Vi faccio un esempio con cui capirete subito il mio ragionamento. Quando lavoro con bambini e si prendono una botta, noi offriamo loro il giaccio ma spesso lo rifiutano. Col giaccio starebbero meglio, ma hanno paura del freddo, che peggiori il dolore, come hanno paura che li versiamo del disinfettante o che li tocchiamo con la salviettina per pulirli.

Questa è la zona di comfort, è scegliere il male minore, pensando che dall’altro lato c’è un male maggiore… ma ci tiene lontani dal bene possibile, probabile o improbabile che sia.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…