la trave marcia

Dicono che c’era, in un piccolo paesino, una piccola chiesetta costruita nel Settecento. Non era una chiesa importante, con dei bei dipinti o sculture, ma era molto amata. Era stata costruita per ringraziare il santo patrono del paese perchè la guerra non aveva fatto troppi danni.

Una notte, nel ventunessimo secolo, una porzione di tetto cadde per una trave marcia. Il rumore svegliò tutti in paese. Ringraziando Dio che fosse accaduto di notte quando era completamente vuote, i feligresi si avvicinarono alla piazzetta davanti alla chiesa un po’ per curiosità e un po’ per preoccupazione.

Tutti parlavano di come recuperare la chiesa, di come ricostruire il tetto, della trave che si era rotta. C’era chi diceva che sarebbe meglio ricostruire con materiali più moderni, chi diceva che sarebbe stato meglio ricostruirla com’era visto che era durata 200 anni.  ma non si .

Mentre il prete spiegava come non era facile trovare i legni che c’erano un tempo, che per fare una trave forte, lunga e larga come quella che si era rotta serviva un albero di più di 200 anni arrivò un chiericchetto con un pezzo di carta.

– Padre, padre, vicino alla trave che è caduta c’era questo bigliettino…

Il prete sorrise sereno, il biglietto diceva dove trovare un albero di quell’età, l’avevano piantato gli stessi preti che avevano costruito la chiesa, in un atto di lungimiranza senza pari al giorno d’oggi in cui tutto è veloce e abbiamo perso il contatto con i ritmi della vita.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.