La ricerca della felicità (2006)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film basato su fatti reali, La ricerca della felicità, diretto da Gabriele Muccino con Will Smith e suo figlio Jaden, ispirato alla vita di Chris Gardner, imprenditore milionario, che durante i primi anni ottanta visse giorni di intensa povertà, con un figlio a carico e senza nemmeno una casa dove poterlo crescere. Egli appare nella scena finale del film, in un cameo, mentre attraversa la strada in giacca e cravatta, incrociando lo sguardo con Will Smith.

Mi piaciono molto i riferimenti alla dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d’America, come scritta da Thomas Jefferson e al fatto che elencando i diritti inalienabili dell’uomo, insieme alla tutela della vitaee della libertà abbia inserito la ricerca della felicità. E i momenti in cui il protagonista si chiede come mai non abbia scritto direttamente la felicità, ma la sua ricerca. Quello che mi ha colpito di più è quanto è triste il film, quanto fino all’ultimo minuto non succeda qualcosa di nuono, non abbia finalmente la fortuna che merita, per la cui ha lavorato così sodo, così più degli altri, partendo da così lontano e sforzandoci molto di più di chiunque altro. Invece del trailer ho pensato lasciarvi il discorso sui sogni che fa il padre al figlio, appena si accorge di aver proiettato su di lui le sue frustrazioni e i suoi sogni infranti, rinnegando di quell’atteggiamento arrendevole e difendendo la sua vera natura ostinata e sicura che il futuro ci deparerà quello per cui lavoreremo sodo:

Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa , neanche a me. OK ? Se hai un sogno tu lo devi proteggere. Quando le persone non sanno fare qualcosa dicono anche a te che non la sai fare. Se vuoi qualcosa , vai e inseguila! Punto.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.

Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino (2005)

Dopo quello dei bambini mi sono letta anche un’altro libro di Adele Faber ed Elaine Mazlish, Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino & Come Ascoltare Perché ti Parlino, dedicato alle problematiche con i ragazzi adolescenti, più grandi, più caparbi e più soggetti a rischi incontrollabili dalla la loro maggiore autonomia.

Unicorn Store (2017)

Qnuesta settimana, voglio parlarvi di un film molto un po’ particolare: Unicorn Store, con una simpaticissima Brie Larson sia come regista che come protagonista insieme al fantastico Samuel L. Jackson. Un film sulla fantasia, sull’unicità e sugli sforzi che facciamo tutti per sembrare “normali”.