la prossima volta

In questi ultimi giorni dell’estate, in cui un po’ tutti stiamo pensando al ritorno alla normalità, mi capita spesso di parlare su come dovremmo vivere ogni giorno, cosa dovremmo tenere a mente il più possibile, quale atteggiamento sarebbe da coltivare e mantenere per ottenere il meglio della vita…

Dicono che Nietzche diceva “Vivi ogni giorno come se fosse il primo, come se fosse l’ultimo…” e Neruda “Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno. Né il primo né l’ultimo. L’unico.”  Io, da coach, ho la mia versione personale, vivi ogni giorno come se fosse una prova, come se non ti giocassi tutto, come se fosse un esercizio di allenamento per qualcosa di più…

Se dovessi riassumere la maggior parte del mio operato come coach, tutto in un unico consiglio, un unico pensiero, da tenere sempre a mente quando le cose non vanno come vorremo, sia che il risultato non sia quello aspettato in tutto o in parte, è “cosa posso cambiare per la prossima volta?“. E, anche quando le cose vanno come previsto, “cosa posso ripetere la prossima volta?“.

Queste due frasi sottintendono diversi concetti molto importanti:

  • Nella vita tutto si ripete, i giorni, le stagioni, le situazioni, ogni volta abbiamo un’opportunità di imparare (o di dimostrare di avere imparato) qualcosa. Per inerzia tendiamo a ripetere le stesse modalità, le abitudini, e questo ci porta ai soloti risultati. Ma possiamo cambiare se ce lo proponiamo.
  • Perciò non è mai troppo tardi, pensare a come avremo potuto reagire in passato ha un solo e possibile senso utile, quello di acquisire consapevolezza. Pensare a cosa avremo dovuto dire ci fa sentire sempre più imbranati e inutili, perchè è impossibile modificare il passato. Invece, pensare a come potremo fare la prossima volta ci fa sentire potenti e pieni di strumenti da usare (o anche da acquisire prima che la situazioni si ripresenti).
  • non tutto dipende da noi, non abbiamo tutte le responsabilità del mondo, non dobbiamo essere più seri e più efficaci od efficienti di nessun’altro. Ma una parte si, e possiamo gestirla meglio se ci teniamo leggeri.
  • Anche quando sembra che se rischiamo tutto possiamo perdere tutto, sono pochissime le situazioni in cui questo è vero. La maggioranza delle volte possiamo rischiare tranquilli che, anche se perdiamo soldi, amici o qualsiasi cosa a cui possiamo sentirci attaccati e du cui crediamo di avere bisogno… le sensazioni legate a quelle cose o persone possono tornare…

Che ne dite, proviamo a vivere ogni giorno come se fosse una prova, un esercizio, un’avventura?

0 Comments

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

sfruttare tutto al massimo

Nella settimana scorsa sono andata al mare ogni giorno, dalla matina alla sera, sui lettini, sotto gli ombrelloni, per la prima volta nella mia vita. Qualcuno ha sentito il bisogno di dirmi che non potevo non fare il bagno, che non potevo non prendere il sole, che dovevo sfruttare al massimo le giornate. E ho pensato di condividere con voi la mia riflessione sull’argomento.

il prezzo più alto

Dicono che c’era un gioielliere seduto alla scrivania che guardava distrattamente la strada attraverso la vetrina del suo elegante negozio quando una bambina si avvicinò e schiacciò il naso contro la vetrina. I suoi occhi color del cielo si illuminavano vedendo quegli oggetti esposti.

Anatomia dello Spirito (1996)

Questa estate ho conosciuto (letto) per la prima volta Caroline Myss, una divulgatrice intuitiva e saggia, e mi sono innamorata, mi sono bevuta tre libri senza mai stancarmi del suo modo di raccontare perchè è molto in sintonia con i miei altri maestri. In questo Anatomia dello Spirito, I sette livelli del potere personale mischia e cucina insieme elementi di diverse religioni e spiritualità con un gusto squisito e una chiarezza impressionante.

un punto alla volta

Oggi voglio parlarvi di un’altro dei workshop o piccoli eventi tematici, che stiamo preparando per l’anno prossimo. Si tratta di una giornata di cucito creativo e coaching e si chiama “cambiamo il mondo, un punto alla volta”. Sarà un momento di riflessione, di formazione e di allenamento, e useremo il cucito come attività pratica in cui concentrarci, e con cui mettere in moto delle capacità che poi potremo usare in altri momenti della nostra vita.