la prossima volta

In questi ultimi giorni dell’estate, in cui un po’ tutti stiamo pensando al ritorno alla normalità, mi capita spesso di parlare su come dovremmo vivere ogni giorno, cosa dovremmo tenere a mente il più possibile, quale atteggiamento sarebbe da coltivare e mantenere per ottenere il meglio della vita…

Dicono che Nietzche diceva “Vivi ogni giorno come se fosse il primo, come se fosse l’ultimo…” e Neruda “Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno. Né il primo né l’ultimo. L’unico.”  Io, da coach, ho la mia versione personale, vivi ogni giorno come se fosse una prova, come se non ti giocassi tutto, come se fosse un esercizio di allenamento per qualcosa di più…

Se dovessi riassumere la maggior parte del mio operato come coach, tutto in un unico consiglio, un unico pensiero, da tenere sempre a mente quando le cose non vanno come vorremo, sia che il risultato non sia quello aspettato in tutto o in parte, è “cosa posso cambiare per la prossima volta?“. E, anche quando le cose vanno come previsto, “cosa posso ripetere la prossima volta?“.

Queste due frasi sottintendono diversi concetti molto importanti:

  • Nella vita tutto si ripete, i giorni, le stagioni, le situazioni, ogni volta abbiamo un’opportunità di imparare (o di dimostrare di avere imparato) qualcosa. Per inerzia tendiamo a ripetere le stesse modalità, le abitudini, e questo ci porta ai soloti risultati. Ma possiamo cambiare se ce lo proponiamo.
  • Perciò non è mai troppo tardi, pensare a come avremo potuto reagire in passato ha un solo e possibile senso utile, quello di acquisire consapevolezza. Pensare a cosa avremo dovuto dire ci fa sentire sempre più imbranati e inutili, perchè è impossibile modificare il passato. Invece, pensare a come potremo fare la prossima volta ci fa sentire potenti e pieni di strumenti da usare (o anche da acquisire prima che la situazioni si ripresenti).
  • non tutto dipende da noi, non abbiamo tutte le responsabilità del mondo, non dobbiamo essere più seri e più efficaci od efficienti di nessun’altro. Ma una parte si, e possiamo gestirla meglio se ci teniamo leggeri.
  • Anche quando sembra che se rischiamo tutto possiamo perdere tutto, sono pochissime le situazioni in cui questo è vero. La maggioranza delle volte possiamo rischiare tranquilli che, anche se perdiamo soldi, amici o qualsiasi cosa a cui possiamo sentirci attaccati e du cui crediamo di avere bisogno… le sensazioni legate a quelle cose o persone possono tornare…

Che ne dite, proviamo a vivere ogni giorno come se fosse una prova, un esercizio, un’avventura?

0 Comments

Qualunque cosa ti capiti nella vita, tu solo hai la facoltà di decidere come reagire. Se ti abitui a cercare in ogni situazione il lato positivo, la qualità della tua vita sarà più elevata e più ricca. Questa è una delle leggi più importanti della natura

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.