la parte più importante del corpo

Dicono che c’era una mamma che, vedendo sua figlia pensosa e triste, le chiese, secondo lei, quale fosse la parte più importante del corpo. La parte del corpo dove si potesse trovare la felicità. Sembrava volesse solo distrarla ma, siccome ne aveva bisogno, la ragazzina decise di provare a rispondere.

La ragazzina, pensando che a lei piaceva moltissimo ascoltare musica, come ai suoi amici del resto. Sul momento pensò che l’udito fosse la parte più importante del corpo per gli esseri umani, così rispose:
– Le orecchie.
– Alcune persone sono sorde, eppure vivono felicemente – rispose la madre.

La ragazzina, continuò a pensarci e disse:
– Gli occhi! Giacchè vedere è meraviglioso ed è molto importante per tutti.
Ma la mamma rispose:
– Molti sono ciechi e se la cavano benissimo.

La ragazzina ci pensava e ci ripensava ma per ogni parte del corpo riusciva ad immaginarsi persone capaci di essere felici senza. Dopo averle dato quello che ritenne un tempo giusto la mamma disse:
– La parte più importante del corpo sono le spalle.
– Perché sostengono il peso del nostro dolore? – rispose la ragazza.

– Non esattamente, non solo – rispose la madre – Perché su di esse possono appoggiare la testa gli amici o le persone care quando piangono. Tutti abbiamo bisogno di una spalla su cui piangere, in alcuni momenti della nostra vita.

E, così dicendo, invitò sua figlia ad apoggiare la testa sulla sua spalla per confortarla.  Senza dire nient’altro, senza fare nient’altro. Semplicemente per dimostrarle che se aveva bisogno, lei c’era.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualunque disavventura si può trarre un vantaggio (basta avere la pazienza di cercarlo)

 

Il Cigno Nero (2014)

I n diversi momenti in queste settimane mi sono trovate frasi e questo autore, Nassim Nicholas Taleb, che mi hanno colpita particolarmente. Appena sono riuscita ho cercato qualcosa di suo e, come spesso mi capita, ho letto due libri di fila. Oggi voglio parlarvi del più famoso: Il cigno nero, meraviglioso.

Yuli (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film cubano, Yuli, con il grandioso Carlos Acosta, basato libro autobiografico del ballerino, No Way Home. Il film racconta la vita e la passione di questo grandissimo danzatore che è stato paragonati a Mikhail Barysnikov e Rudolf Nureyev…

ricrescere senza paura

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato di come nella nostra società siamo abituati a vivere nella paura ma possiamo sempre decidere di ricrescere nell’amore. Possiamo sempre renderci conto di quando emozioni come la paura ci stanno salvando o stanno fermando la nostra evoluzione.