La parola magica (2018)

30 Nov 18

Oggi voglio parlare di un libro di cui mi sono innamorata tante volte che ho perso il conto. L’autore è Paolo Borzacchiello, uno dei massimi esperti di intelligenza linguistica applicata al business, e il libro si chiama La parola magica. L’ho comprato per caso ma… mentre lo leggevo, con una amica l’ho definito un corso di pnl e communicazione efficace travestito di romanzo, tra l’altro con una tematica e personaggi affascinanti.

Un romanzo che parla di un coach, di cui mi sono innamorata già dal modo in cui si presenta, come specialista nella comunicazione e nel linguaggio, non un semplice motivatore di quelli che si fanno selfie per facebook. Separato e con una figlia adolescente, si occupa di formazione e consulenze. La storia inizia quando viene contattato da una strana cliente che si presenta come Dio che vuole una consulenza per decidere se estinguere il genere umano o meno.

Se questo non bastasse, come dicevo, è un libro molto serio che passa rassegna a metodi, tecniche e concetti che noi coach spieghiamo e usiamo nel lavoro per migliorare l’efficacia della communicazione, ascoltando anche quel che viene detto e come viene detto, le sfumature del linguaggio verbale e non verbale, e appliccandole quando siamo noi ad esprimermi.

Ma non lo fa in stile saggio, lo fa inserendolo nel contesto delle conversazioni e dei pensieri che questo coach ha con i clienti (angeli, arcangeli, il mio amato Lucifer), sua figlia e il suo collaboratore fidato.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.