la nave da crociera

Dicono che c’era una volta una donna anziana che viaggiava felice su una nave da crociera. Un uomo aveva notato che nonostante fosse sola, la donna era in grande confidenza con tutto lo staff della nave. Un giorno l’uomo chiese a un cameriere informazioni su di lei, immaginando che l’anziana signora potesse essere la proprietaria della nave.

Il cameriere rispose all’uomo che non sapeva molto di lei. L’aveva solamente vista nelle ultime quattro crociere.

Una sera, lasciando la sala ristorante, la vide di nuovo e decise di fermarsi a salutarla. Chiacchierarono amabilmente quando lui le disse:

– “So che ha partecipato alle ultime quattro crociere”.

– “Sì, è vero.” – Rispose lei.

– “Ma perché?”.

– “Perché è più economico di una casa di riposo! Io non voglio andare in una casa di riposo. Rimarrò su questa nave da crociera. Una casa di riposo costa circa 200 € al giorno. Qui ho uno sconto fedeltà e uno sconto senior. In tutto pago 135 € al giorno. Gli altri 65 € li destino agli extra e alle mance per questi giovani così gentili. Qui posso avere fino a dieci pasti al giorno di qualità ottima. Posso anche chiedere il servizio in camera. A volte faccio colazione a letto.

La piscina è gratis. C’è la palestra. Anche la lavanderia è gratis. Lenzuola e asciugamani sono sempre puliti. Anche dentifricio, rasoi, shampoo e sapone sono gratis. Ogni sera ci sono degli spettacoli. Mi trattano come una cliente VIP, non come una paziente d’ospedale. Ogni settimana poi incontro gente nuova e interessante con cui fare piacevoli chiacchierate. E’ così che voglio vivere il resto dei miei giorni.”

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

sfruttare tutto al massimo

Nella settimana scorsa sono andata al mare ogni giorno, dalla matina alla sera, sui lettini, sotto gli ombrelloni, per la prima volta nella mia vita. Qualcuno ha sentito il bisogno di dirmi che non potevo non fare il bagno, che non potevo non prendere il sole, che dovevo sfruttare al massimo le giornate. E ho pensato di condividere con voi la mia riflessione sull’argomento.

il prezzo più alto

Dicono che c’era un gioielliere seduto alla scrivania che guardava distrattamente la strada attraverso la vetrina del suo elegante negozio quando una bambina si avvicinò e schiacciò il naso contro la vetrina. I suoi occhi color del cielo si illuminavano vedendo quegli oggetti esposti.

Anatomia dello Spirito (1996)

Questa estate ho conosciuto (letto) per la prima volta Caroline Myss, una divulgatrice intuitiva e saggia, e mi sono innamorata, mi sono bevuta tre libri senza mai stancarmi del suo modo di raccontare perchè è molto in sintonia con i miei altri maestri. In questo Anatomia dello Spirito, I sette livelli del potere personale mischia e cucina insieme elementi di diverse religioni e spiritualità con un gusto squisito e una chiarezza impressionante.

un punto alla volta

Oggi voglio parlarvi di un’altro dei workshop o piccoli eventi tematici, che stiamo preparando per l’anno prossimo. Si tratta di una giornata di cucito creativo e coaching e si chiama “cambiamo il mondo, un punto alla volta”. Sarà un momento di riflessione, di formazione e di allenamento, e useremo il cucito come attività pratica in cui concentrarci, e con cui mettere in moto delle capacità che poi potremo usare in altri momenti della nostra vita.