La laurea non ti basta (2017)

Oggi voglio parlarvi di un libretto del nome La Laurea Non Ti Basta: Come Cambiare In Meglio La Sorte Del Tuo Futuro Universitario e Professionale, di due giovani italiani, Paolo Mattia Palazzolo e Antonella Sgobbo, con una marcia in più. Due giovani con un bellissimo progetto di formazione parallela a quella universitaria in quelle che chiamano soft-skills.

Inizia come un romanzo autobiografico, raccontando del primo incontro di Antonella con quelle capacità che molti dimenticano, che l’università ignora e di cui il mondo del lavoro ha tanto bisogno. Questo primo incontro è stato all’università e riguardava le tecniche di apprendimento, le mappe mentali, e altre tecniche di memoria e lettura veloce. Ma soprattutto riguardava un corso e una modalità di studio diversa, quella che proponiamo normalmente noi coach, molto più pratica e dinamica, molto più orientata al fare.

E poi parla di come questi concetti, prima per l’apprendimento veloce, poi per il raggiungimento dei propri obbietivi hanno cambiato la vita. Da essere una normale studentessa è diventata un’insegnante e un imprenditrice, per cambiare il mondo, per farlo sommigliare di più al mondo perfetto che sognava fin dall’inizio, con un ruolo sempre più attivo. Il tutto con qualche esempio qui e là di esercizi per fare il punto della situazione, per capire qual’è la nostra missione, ecc.

Ma, soprattutto, con l’accento sull’importanza della pratica, dell’allenamento, dell’atteggiamento da studenti pronti a imparare da ogni errore. Della consapevolezza e della coerenza e di come sfruttarle per creare la vita che vogliamo, iniziando da noi stessi.

Ve lo consiglio se non l’avete letto? E poi, raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

ancora seduzione…

Continuando con il discorso della settimana scorsa, e con l’acronimo, vedremo le altre componenti che sono rimaste senza dettagliare nel primo articolo… eravamo rimaste allo zoom…

apprezzare e disprezzare

Una delle premesse del nuovo paradigma che facciamo più fatica a interiorizzare è il fatto che si dice che la realtà è neutra, che non è nè bella nè brutta, nè positiva nè negativa, nè giusta o sbagliata. Questo succede principalmente perchè ci hanno insegnato che c’è qualcosa di corretto e perfetto e che tutto il resto deve essere aggiustato.

tirare alla cieca

C’era una volta un Maestro zen che era un vero campione nell’arte del tiro con l’arco. Una mattina invitò il suo discepolo preferito a osservare una dimostrazione della sua abilità. Anche se l’aveva visto centinaia di volte, comunque obbedì al suo Maestro. Si recarono nel bosco accanto al monastero e raggiunsero un albero di quercia.

Il piccolo principe (1943)

Oggi voglio parlare di uno dei libri classici dello sviluppo personale anche se non è scritto da un guru, ma da un aviatore e scrittore, una persona con una personalissima capacità di osservare il mondo, Il piccolo principe, amato da tutti e da tenere sempre presente quando ci troviamo troppo imprigionati nei nostri ruoli di adulti.

se ti ho incuriosito...