La felicità in tasca (2016)

E anche oggi voglio palare di un libro di Paolo Borzacchiello, questa volta il più antico che ho trovato, La felicità in tasca, una raccolta di storie per spiegare dei concetti basilari della medicina cinese e la relazione delle emozioni con organi, viscere e sintomi.

Ho adorato ogni parola, dall’inizio alla fine, come in ogni suo libro, ma una delle cose che ho preferito in assoluto è stata quando paragona il corpo umano ad un auto, i sintomi delle malattie alle spie sul cruscotto, e il modo in cui normalmente usiamo la medicina occidentale, curando i sintomi staccati da tutto il resto, come se svittassimo la lampadina, ignorando il suo collegamento con il vero guasto, e stupendoci quando alla fine si ripresenta più forte in forma di malattia, persino grave.

Vi lascio un riassunto di tutto il libro in forma di consiglio, di decalogo per prendersi la responsabilità del proprio corpo e della propria salute smettendo di ignorare le nostre emozioni:

  1. Rispetta il tuo Fegato… Se sei arrabbiato, grida!
  2. Rispetta la tua Vescica biliare… Se non ascoltano le tue grida, batti i pugni!
  3. Rispetta il tuo Cuore… Parla, e sii sincero.
  4. Rispetta il tuo Intestino tenue… Dì ciò che pensi, discuti.
  5. Rispetta la tua Milza… Se hai dubbi, fai le tue domande.
  6. Rispetta il tuo Stomaco… Quando hai bisogno, chiedi aiuto.
  7. Rispetta i tuoi Polmoni… Se sei triste, piangi.
  8. Rispetta il tuo Colon… Se ti senti solo, lamentati.
  9. Rispetta i tuoi Reni… Se non ce la fai, fermati.
  10. Rispetta la tua Vescica… Se hai voglia di scappare, fuggi.

Questo libro ormai non si trova stampato ma io l’ho trovato su facebook, potete scaricarlo qui Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

cattiveria gratuita

Spesso, soprattutto con i più giovani, mi capita di sentire l’espressione “cattiveria gratuita”: mi tratta, mi parla o l’ha fatto con con cattiveria gratuita. Normalmente spiego loro che io credo che la cattiveria non sia mai gratuita, anzi!

espelliamoli!

Dicono che c’era una volta tanto tempo fa, in un piccolo villaggio, la bottega di un falegname. Un giorno, durante l’assenza del padrone, tutti i suoi arnesi da lavoro tennero un gran consiglio. Ci fu una seduta lunga e animata, in cui si poponeva di escludere dalla onorata comunità degli utensili un certo numero di membri.

Libro delle epoche (2012)

O[/dropcap]ggi voglio parlare di un’altro libro di Igor Sibaldi, Il libro delle epoche, che ho letto perchè sono andata al suo seminario presenziale sulle “Epoche vecchie – Epoche nuove. Come orientarsi nel tempo”, interessantissimo come ogni suo evento. In cui sviluppa l’argomento e lo aggiorna il discorso anche fino al 2019 e oltre.

la ruota della bestia

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di schiavitù moderne, delle cose o persone che ci fanno comportare in modi diversi da quelli che vorremmo, ma abbiamo anche visto e iniziato a sperimentare uno strumento per riprendere i controlli della nostra vita, una versione della ruota della vita che abbiamo chiamato la ruota della bestia perchè racchiudeva il numero 666…