la borsa di pistacchi

Dicono che c’era, in un paesino in montagna, un saggio famoso e ammirato per la sua parsimonia e la sua serenità in ogni circostanza, pronto a rispondere alle domande di chiunque e capace di spiegare molto più chiaramente i desideri di Dio e le sue ragioni nascoste. Un giorno, gli si avvicinò un ragazzo orfano, povero e molto timido e gli chiese perchè Dio avesse voluto, proprio lui, così sfortunato…

— Buon giorno, caro… capisco che tu ti senta così, ma questo è solo un tuo pensiero, non è la realtà.
— Volete dire che tutto quello che ho raccontato sono bugie? Vi posso assicurare che non mento…
— No, no, tranquillo, non è questo che voglio dire, ti spiegherò meglio. Hai mai comprato una busta di pistacchi col guscio?

Il ragazzo annuì. Subito doppo il saggio si fecce portare una busta di pistacchi e la sparse su pavimento davanti a loro.
— Vedi questi pistacchi? Nella borsa c’è scritto pistacchi col guscio, ma ci sono anche gusci senza pistacchio e pistacchi senza il guscio… vero? — il ragazzo annuì ancora molto incuriosito dall’ovvietà delle parole che avrebbero dovuto essere illuminanti.
—Se ti dico di contare i gusci vuoti, quanti ne vedi?— Il ragazzo li contò ed erano più di quanti si aspettava.
— Se adesso li nascondo e ti chiedo quanti pistacchi sgusciati c’erano,— disse coprendoli— sapresti rispondermi?
— Secondo la logica…— continuò il saggio— dovrebbero essere un numero equivalente. Ma non li hai visti perchè guardavi solo quelli vuoti.
— E, l’ultima domanda, quanti pistacchi col guscio ci sono? Il doppio, il triplo, molti di più?

La perplessità del ragazzo continuava ad aumentare. E pure le domande nella sua testa. Cosa c’entravano i pistacchi con lui e le sue sfortune?
— Tutto questo sacchetto rappresenta la tua vita, i gusci vuoti sono le sfortune, i pistacchi senza guscio sono le cose meravigliose che ci capitano e i pistacchi col guscio le cose normali che diamo per scontate. Se ci ostiniamo a pensare che siamo sfortunati, vedremo solo quei gusci senza niente dentro.
— A differenza del sacchetto, che possiamo svuotare sul pavimento e osservare prima di mangiarlo, la nostra vita la possiamo vedere solo dopo. Solo quando è passata possiamo contare i giorni belli e i brutti. E renderci conto delle proporzioni, e delle nostre fortune. Ma in ogni momento possiamo sperare, confidare, credere… che per ogni guscio vuoto ci sarà un pistacchio già sgusciato, da qualche parte, e iniziare a cercarlo…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

non dovevi

Una di quelle frasi che molti ripetono per “educazione” senza pensare bene cosa vuol dire, cosa stanno dicendo in realtà è “non dovevi”. Tipo quando ricevono un regalo, un favore, una spiegazione. Oggi vorrei riflettere un secondo su quanto possa essere distruttiva questa frase.

Anatomia della Coppia (2015)

In questi giorni ho letto il libro di Erica Francesca Poli, Anatomia della Coppia, I sette principi dell’amore. Un compendio di tante cose, con tanti spunti interessanti, dalla spiritualità alle neuroscenze e tante fonti, alcuni che conoscevo e altre che ho scoperto grazie a lei.

Replicas (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film fantascientifico americano, con il grandioso Keanu Reeves, (che ricordiamo per il ruolo di Neo in Matrix): Replicas. Un film che riprende uno degli argomenti più classici, quello della non accettazione della morte, e del desiderio di risurrezione degli esseri che amiamo.

qualcosa di meglio da fare

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato dell’aria come promesso la settimana scorsa, e anche di altri aspetti di consapevolezza e responsabilità come la presa di coscenza sulle cose che facciamo e che lasciamo “da fare”, sulle priorità che mostriamo.