Io Sono Ok, Tu Sei Ok (1967)

Oggi mi sono accorta che non vi avevo ancora parlato di uno dei libri base della mia formazione psicologica, Io Sono Ok, Tu Sei Ok, di Thomas A. Harris, uno dei classici che ha venduto oltre quindici milioni di copie nel mondo ed è stato tradotto in più di venti lingue.

Uno dei primi libri che parlavano dell’analisi transazionale come alternativa alla psicoanalisi e che spiegava come le transazioni (le relazioni, le conversazioni) condizionano la nostra vita. Spiega dettagfliatamente i tre aspetti base della personalità secondo questa scuola (bambino, adulto e genitore) e il triangoli del gioco vittima-carnefice-salvatore. Concetti che, una volta compresi a fondo possono liberarci da molte catene.

Il titolo rappresenta una di quattro posizioni che possono prendere in ogni relazione, in ogni momento, la più sana ed efficente anche se non per tutti quella che usiamo di più:

  • IO sono OK, TU sei OK –  è la posizione neutrale e positiva in cui tutto è possibile, i problemi si rissolvono e a volte ho bisogno di te altre tu di me, ma serenamente;
  • IO sono OK, TU NON sei OK è la posizione in cui io mi sento superiore, tu sei inferiore e ti meriti il mio disprezzo, a volte persino una punizione, o il mio magnanimo aiuto;
  • IO NON sono OK, TU sei OK – è la posizione dello sfigato, della vittima, di quello che “gli altri capiscono meglio, meno male che ci sei tu, possono essere vittimisti e molto pesanti;
  • IO NON sono OK, TU NON sei OK – è la posizione più deleteria,  nulla è ok, non solo io non posso farci nulla, ma nessuno in generale può fare nulla, non vale la pena nemmeno provarci.

L’avete letto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

fiducia

fiducia

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di una delle caratteristiche delle persone che riescono ad approfittare delle opportunità, delle persone che hanno più successo nella vita, la fiducia.

va bene così

va bene così

In questo momento storico ci sono molte persone, anche citando testi spirituali e sacri, che, con la scusa del pensiero positivo, ci propongono un atteggiamento “menefreghista” come unica alternativa per essere felici in un mondo che sembra quasi tutto storto.

la dignità

la dignità

Dicono che moltissimi anni fa, in una scuola di filosofia, un allievo rifletteva sul paradosso di Epicuro. Dopo che l’aveva sentito a lezione la prima volta, non poteva smettere di pensarci, ne aveva parlato con insegnanti e compagni di classe. Era convinti ci fosse una soluzione e voleva trovarla.