intelligenza artificiale

Ci sono tanti film che parlano dell’Intelligenza Artificiale, di robot così perfetti che diventano umani, così umani da avere persino i nostri diffetti, da Terminator, all’uomo bicentenario Anche la letteratura ne è piena, da Assimov a Huxley. Ma, nella realtà non siamo ancora arrivati, per fortuna o per sfortuna, anche se abbiamo smartphone intelligenti, lavatrici intelligenti o frigoriferi intelligenti, non è la stessa cosa.

Cosa hanno le macchine nella letteratura e nel cinema che non si è ancora riusciti a ricreare nella realtà? L’umanità, possiamo chiamarla, se volete, l’anima, quella complessità che rende capaci di specchiare la complessità esterna, quella flessibilità che rende capaci di sopravvivere in situazioni estreme, quella curiosità infinita che ha di base l’essere umano, anche se non sempre la usa.

Perchè, sempre di più, stiamo rinunciando alla nostra individualità, stiamo cercando di uniformarci agli standard, all’inizio solo estetici, ma… sempre di più, di pensiero, di abitudini, di credenze… In una ricerca di una perfezione unica e universale dettata dall’esterno, dalle leggi, dai libri, dai ranking delle riviste o dei siti web.

Ed è rinunciando alla nostra capacità di usare la nostra intelligenza umana che ci stiamo rendendo sempre più schiavi, insicuri e impotenti, ma possiamo sempre cambiare. Riprenderci il controllo della nostra vita e ottimizzarla personalizzandola per ognuno di noi.

Cosa ne pensate? Quanto usate la vostra intelligenza individuale e quanto delegate al pensiero universale condiviso? Ditemi, aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

Gli errori delle donne (2010)

Gli errori delle donne (2010)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un di Giorgio Nardone, un manuale breve e semplice chiamato Gli errori delle donne (in amore). In questo libro non parla di disturbi psichici e comportamentali ma di copioni psicoemotivi che le donne mettono in atto nelle relazioni amorose.
Brazil (1985)

Brazil (1985)

Oggi sono di nuovo tornata indietro nel tempo per rivedere Brazil, di Terry Gilliam, con un Robert De Niro fantastico anche se in un ruolo non protagonista, e Jonathan Pryce e Kim Greist, nei panni di una copia tutto tranne che convenzionale.
amare o non amare

amare o non amare

Molte persone decidono di smettere di amare, dopo delle serie più o meno lunghe di frustrazioni e di rapporti che non sono andati come speravano. Dimenticano che rinunciare ad amare è come rinunciare a respirare, a mangiare o a bere.