Inkheart (2008)

Questa settimana voglio parlarvi di un film particolare, una di quelle fiabe che rappresenta una metafora sul potere delle parole: Inkheart – La leggenda di Cuore d’inchiostro, con  Brendan Fraser.

Il protagonista è un uomo che ha un potere unico, può interagire con i libri facendo uscire ed entrare le persone e i personaggi. Ma, lo scopre nel peggiore dei modi, quando racconta una fiaba a moglie e figlia, appaiono i cattivi nel suo soggiorno e sparisce sua moglie.

Da quel momento non legge più, per paura di fare danni ma continua a cercare ossessivamente una copia del libro per provare a farlo di nuovo. Fino a quando i personaggi lo trovano per sfruttare di nuovo i suoi poteri.

Si svolge in un mondo in cui si mischiano persone “realistiche”, contemporeanee e umane con personaggi inventati, fantastici, che sono usciti dalla penna di un autore, che, anche lui è nel film.

La cosa più bella è che possiamo vedere le sommiglianze fra i personaggi reali e quelli fantastici. Le paure, le possibilità, il destino, il concetto di Dio come autore della nostra storia e il libero arbitrio. E, sopra ogni cosa, l’amore che ci da il coraggio per fare miracoli.

Tutti i personaggi sono meravigliosi, dalla zia che considera i libri una realtà e dice di “essere stata” in tutti i posti in cui si svolgono i libri che ha letto, all’altro lettore balbuziente che fa vivere i personaggi ma non correttamente, con una scritta in faccia e quanche diffetto fisico… fino allo scrittore così meravigliato da questo potere che non riesce a reagire quando si presentano i cattivi. 

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.

Tienilo acceso (2018)

Tienilo acceso (2018)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di linguistica di Vera Gheno: Tienilo acceso, dedicato a Internet e i social, in cui ci spiega con una semplicità meravigliosa cosa vuol dire e come gestire al meglio la nostra immagine online.