Indiavolato (2000)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film che ho fatto fatica a finire, perchè all’inizio sfiora il ridicolo ed è più che scontato in molti momenti, ma poi sono stata felice di averlo visto. Indiavolato. Un film che parla di un uomo normalissimo innamorato della sua collega e del suo rapporto con i desideri.

Una delle cose che più mi è piaciuta è che il diavolo è donna, e questo mi è sembrato tanto interessante perchè inizia a rompere gli schemi. Insieme al fatto che, invece del solito “patto” per avere la sua anima in cambio di un desiderio, in questo caso si offrono al malcapitato ben sette opportunità.

E la terza sarebbe l’incontro in carcere con l’uomo di colore che è l’unico a parlare in maniera positiva in tutto il film… che gli dice che non può vendere la sua anima poiché non è di sua proprietà ma appartiene a Dio e che i suoi errori alla fine lo renderanno una persona migliore

E, finalmente, c’è la cosa che mi ha fatto decidere di parlarvi, il fatto che il patto con il diavolo si può rescindere, semplicemente usando il suo ultimo desiderio in maniera altruista, desiderando che Alison abbia una vita felice.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

p.s. non ho trovato il trailer in italiano ma vi lascio la scena del carcere che è una delle mie preferite.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Gli errori delle donne (2010)

Gli errori delle donne (2010)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un di Giorgio Nardone, un manuale breve e semplice chiamato Gli errori delle donne (in amore). In questo libro non parla di disturbi psichici e comportamentali ma di copioni psicoemotivi che le donne mettono in atto nelle relazioni amorose.
Brazil (1985)

Brazil (1985)

Oggi sono di nuovo tornata indietro nel tempo per rivedere Brazil, di Terry Gilliam, con un Robert De Niro fantastico anche se in un ruolo non protagonista, e Jonathan Pryce e Kim Greist, nei panni di una copia tutto tranne che convenzionale.
amare o non amare

amare o non amare

Molte persone decidono di smettere di amare, dopo delle serie più o meno lunghe di frustrazioni e di rapporti che non sono andati come speravano. Dimenticano che rinunciare ad amare è come rinunciare a respirare, a mangiare o a bere.
vivere al limite

vivere al limite

Ci sono persone che dicono di vivere al limite perchè vivono al di là di quello che fanno gli altri, di quello che si aspetta da loro, di quello che sono le convenzioni. Secondo me, in realtà, tutti viviamo al limite. Quelle persone soltanto lo pongono in una posizione diversa, ma tutti viviamo al nostro limite.