includere o escludere

Spesso, quando faccio mediazioni di coppia, in famiglia o anche al lavoro, mi trovo a proporre il linguaggio inclusivo da usare al posto di quello esclusivo, e (quasi) tutti si sorprendono di quanto potere abbia un cambiamento così piccolo. Cambiando solo qualche pronome, qualche forma verbale alla prima persona del plurale e tutto cambia.

Il fatto è che quando uso un linguaggio esclusivo rinuncio a tutte le sinergie psicologiche, e anche a quelle pratiche che ne susseguono, che può proporzionare il gruppo, come avevamo detto quando parlavamo di trovare un nemico comune. Se focalizzo sulle differenze di razza, genere, età, ecc. non posso analizzare bene i problemi, sfruttare le risorse diverse che ognuno potrebbe aggiungere al gruppo, ma nemmeno la forza che un gruppo più grande potrebbe avere. Oltre al fatto che gli esclusi… potrebbero sentirsi disperati e tornarsi contro di noi per il solo fatto di essere stati esclusi.

Vi faccio un esempio, parlando di un argomento molto polemico in questo momento, l’immigrazione. Molti dicono “Italia per gli italiani“, e “fuori gli stranieri“. Senza approfondire questo “immigranti”, senza considerare se sono gente che una volta tornata a casa è condannata a morte o a qualcosa di peggio, o che in questo paese fa un lavoro necessario e utile a tutti noi, che paga più tasse di molti italiani, ecc. Sono diversi perciò vanno esclusi.

Ma non bisogna parlare di migranti per vedere l’esclusione. Qualsiasi problema posso vederlo come un problema nostro o un problema solo mio o solo tuo. Ma la cosa grave non è che si senta il problema come appartenente a uno solo dei due, bensì che sembra che l’altro sia la causa, o l’aggravante non aiutando a risolverlo. Questo allontana. Crea un problema all’altra persona. E fa passare la voglia di aiutare quello che inizialmente aveva il problema. Se, invece, riuscissimo a coinvolgere l’altro, ad includerlo come un alleato invece che incolparlo di non aiutarci… tutto sarebbe più facile e felice.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…