immaginazione e realtà

Dopo un mese rifflettendo sul cambiamento, continueremo a parlare di accettologia, di realismo e di immaginazione. E di come l’immaginazione è un potente strumento, che può renderci liberi o schiavi, forti o deboli, a seconda di come la usiamo per dipingere il mondo passato, presente o futuro.

Partiamo dalla consapevolezza che l’immaginazione di per se non è nè bella nè brutta, nè buona nè deleteria, è solo uno strumento e il suo utilizzo dipende da noi e dalla nostra identificazione con essa. Possiamo dire che tutto quello che non posso vedere e toccare qui e ora, è immaginazione. Secondo Gerardo Schmedling, il passato, il futuro, e persino Parigi se sono a Torino… per me non sono realtà ma sono solo immaginazioni nella mia testa.

Dal momento che su queste situazioni con cui non posso avere un rapporto diretto qui e ora, ho solo pensieri che possono essere più o meno inquinati dalle mie credenze e delle mie emozioni. E che le credenze ed emozioni variano da una persona ad altra… Se prendo decisioni basate sulla mia immaginazione come se fosse una realtà è facile che sbagli.

La buona notizia è che non bisogna rinunciare all’immaginazione, ma solo usarla produttivamente, non identificandosi con essa, non confondendola con la realtà. Quando io metto “secondo me” davanti ad ogni prodotto della mia immaginazione sto creando lo spazio logico per la curiosità di confermare o meno le mie teorie prima di prendere le decisioni. Diffatto, se pensiamo alle cose che non riusciamo a fare, vedremo che da qualche parte c’è sempre un elemento di immaginazione considerato realtà senza la necessaria riflessione.

Dicono che l’immaginazione può portarci ovunque, ed è verissimo. Può portarci al cielo o all’inferno, come un cavallo alato, dipende da noi se guidarlo noi o lasciarci portare dove vuole lui. Se applicare la consapevolezza per comprendere e la coerenza per maneggiare questo strumento nella nostra ricerca dell’equilibrio e della felicità, lasciando che l’immaginazione parli con le voci della squadra dell’anima, o se lasciarci portare fuori strada, lasciando che parli con le voci della squadra dell’EGO.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Spero di si… se vi va di partecipare, vi aspetto!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Metti la nonna in freezer (2018)

Oggi voglio parlarvi di una commedia italiana, di quest’anno, con Fabio De Luigi e Miriam Leone, Metti la nonna in freezer. Una storia meravigliosa sulle regole, sulla gente che le fa rispettare e quella che le infringe, con grande immaginazione, con la inventiva, che ha creato il malcostume italico determinato a stanare falsi invalidi, cronici evasori e impiegati in cerca di mazzette.

archetipi personali

In questo mese di ottobre, continueremo a parlare di archetipi, e al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di alcuni vedremo come individuare i propri archetipi personali e come sfruttare al meglio quest’informazione. Vedremo una serie di archetipi che possiamo definire di base e universali seguendo il libro di Caroline Myss e come capire se ci appartengono o meno.

il peso karmico

Oggi voglio parlare di karma e del peso che può avere nelle nostre vite… Spesso incontro persone che mi fanno notare quanta fatica fanno a ottenere cose che per altri sono, o sembrano, semplici. Gente che si lamenta di quanto sia difficile la convivenza con la propria famiglia o il proprio lavoro e quanto sembrino leggere le famiglie o i lavori degli altri.

una persona sgradevole

Dicono che c’era una volta, su di un volo di una nota compagnia aerea sulla rotta che va da Johannesburg a Londra, una donna bianca, di circa 50 anni, che dovete prendere posto in classe economica di fianco ad un giovane uomo nero.

se ti ho incuriosito...