Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

 Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

Come dicevo è un film che parla di immaginazione, ma soprattutto, come dal  suo titolo, di un ritorno. Della possibilità di recuperare quel che abbiamo perso, che sia una persona, recuperando i sentimenti che quella persona ci faceva provare e che sono ancora dentro di noi. E per farlo basta rinunciare all’eccesso d’importanza data alla logica.

Mi ha convinta dall’inizio del film, quando Mary Poppins arriva e i bambini dicono “siamo maturati molto dell’anno scorso” e lei risponde “vedremo cosa si può fare”. E quando dice “sono venuta per i piccoli Banks” e poi, guardando i bambini “a anche per voi”.

È piena di frecciattine e di frasi che più o meno abbiamo pensato tutti in qualche occasione. Ho adorato particolarmente la scena con la cugina Topsy (Meryl Streep) sul modo in cui cambiando il modo in cui vediamo le cose possiamo cambiare il nostro mondo.

Quella con Dick Van Dyke, che adoro, che ci ricorda di ballare anche quando tutti gli altri dicono che non sei più in grado. E quella con Angela Lansbury,  che ci ricorda che tutti abbiamo ancora un bambino dentro che può andare su con un palloncino… perchè tutto è possibile persino l’impossibile!

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

non dovevi

Una di quelle frasi che molti ripetono per “educazione” senza pensare bene cosa vuol dire, cosa stanno dicendo in realtà è “non dovevi”. Tipo quando ricevono un regalo, un favore, una spiegazione. Oggi vorrei riflettere un secondo su quanto possa essere distruttiva questa frase.

Anatomia della Coppia (2015)

In questi giorni ho letto il libro di Erica Francesca Poli, Anatomia della Coppia, I sette principi dell’amore. Un compendio di tante cose, con tanti spunti interessanti, dalla spiritualità alle neuroscenze e tante fonti, alcuni che conoscevo e altre che ho scoperto grazie a lei.

Replicas (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film fantascientifico americano, con il grandioso Keanu Reeves, (che ricordiamo per il ruolo di Neo in Matrix): Replicas. Un film che riprende uno degli argomenti più classici, quello della non accettazione della morte, e del desiderio di risurrezione degli esseri che amiamo.

qualcosa di meglio da fare

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato dell’aria come promesso la settimana scorsa, e anche di altri aspetti di consapevolezza e responsabilità come la presa di coscenza sulle cose che facciamo e che lasciamo “da fare”, sulle priorità che mostriamo.