il principio di Peter

Oggi, per la giornata dei lavoratori, voglio parlare di un altro dei “principi” paradossali che possiamo osservare nelle aziende ed è il “principio di Peter“, formulato da Laurence J. Peter, secondo il quale “ogni lavoratore viene promosso fino al suo livello di incompetenza”. E questo spiega come mai troviamo così spesso delle persone incompetenti ai piani alti. Non lo sono sempre stati (incompetenti).

Ha una sua logica. Se ci pensi bene, quando uno è bravo a fare un mestiere, se li va bene lo promuovono a fare il capo di quelli che fanno quel mestiere, o li danno da gestire progetti più grossi… Se va tutto bene sarà di nuovo promosso e promosso finchè non sarà più così bravo… finchè ad un certo livello diventerà “normale” o persino “peggio” degli altri suoi pari. A quel punto non lo possono rimandare indietro, ma non lo promuovono più.

Su wikipedia ci dicono che ha due corollari scoraggianti: “Con il tempo, ogni posizione lavorativa tende a essere occupata da un impiegato che non ha la competenza adatta ai compiti che deve svolgere” e “Tutto il lavoro viene svolto da quegli impiegati che non hanno ancora raggiunto il proprio livello di incompetenza“. Sembra uno scenario terribile, ma per me c’è sempre speranza.

Il livello di incompetenza non è una cosa fissa. Le competenze si possono acquisire. Le competenze che mancano sono facilmente osservabili e individuabili, giacchè sono spesso legate alla nuova possizione gerarchica più che al loro mestiere. In quest’ottica i lavoratori arrivati a questo punto si possono formare, allenare e monitorare per aiutare loro a diventare di nuovo competenti.

Dopo ogni promozione, ma anche dietro ogni nuova assunzione, si trova un periodo di incompetenza che può essere definitivo o temporaneo in funzione di come lo gestiamo.

Cosa ne pensate, siete d’accordo?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qualunque cosa ti capiti nella vita, tu solo hai la facoltà di decidere come reagire. Se ti abitui a cercare in ogni situazione il lato positivo, la qualità della tua vita sarà più elevata e più ricca. Questa è una delle leggi più importanti della natura

 

Psicotrappole (2013)

Questa settimana sono tornata a leggere qualcosa di Giorgio Nardone, che era da molto che non leggevo, e ho scelto Psicotrappole, che parla di come spesso ci costruiamo, la nostra mente costruisce, delle trappole in cui cadiamo sperando che comportamenti che hanno funzionato in passato debbano per forza funzionare di nuovo.

Malati di sesso (2018)

Anche questa settimana, una commedia italiana, Malati di sesso, con Francesco Apolloni, che oltre a protagonista è anche sceneggiatore e Gaia Bermani Amaral. Una commedia sentimentale sull’amore e il sesso, sulle donne e gli uomini, molto più simili di quanto normalmente ce li raccontino.

ma… tu, ti ami?

Dopo l’incontro della settimana scorsa di facciamo pace, parlando di quanto ci conosciamo siamo finiti a parlare di quanto dipendiamo gli uni dagli altri e ho avuto una delle mie piccole illuminazioni sull’amore incondizionato e sulle basi su cui si possa costruire.

amore, in che senso?

Spesso mi capita di sentire delle persone che dicono che l’amore per gli animali o “ricevuto” dagli animali è meglio di quello delle persone. Dicono che i cani siano più fedeli, che ci amino incondizionatamente e che sia meglio avere affianco un cane che un uomo…

i linguaggi dell’amore

Dicono che c’era una volta un giovane che si era trasferito in un’altra città per studiare. Prima di Natale la sua mamma andò a trovarlo e si fermò a dormire una notte nella sua casa. Al mattino dopo lei doveva partire perciò la portò a passeggiare per il campus e a cena e poi andarono a dormire.