il principio di Peter

Oggi, per la giornata dei lavoratori, voglio parlare di un altro dei “principi” paradossali che possiamo osservare nelle aziende ed è il “principio di Peter“, formulato da Laurence J. Peter, secondo il quale “ogni lavoratore viene promosso fino al suo livello di incompetenza”. E questo spiega come mai troviamo così spesso delle persone incompetenti ai piani alti. Non lo sono sempre stati (incompetenti).

Ha una sua logica. Se ci pensi bene, quando uno è bravo a fare un mestiere, se li va bene lo promuovono a fare il capo di quelli che fanno quel mestiere, o li danno da gestire progetti più grossi… Se va tutto bene sarà di nuovo promosso e promosso finchè non sarà più così bravo… finchè ad un certo livello diventerà “normale” o persino “peggio” degli altri suoi pari. A quel punto non lo possono rimandare indietro, ma non lo promuovono più.

Su wikipedia ci dicono che ha due corollari scoraggianti: “Con il tempo, ogni posizione lavorativa tende a essere occupata da un impiegato che non ha la competenza adatta ai compiti che deve svolgere” e “Tutto il lavoro viene svolto da quegli impiegati che non hanno ancora raggiunto il proprio livello di incompetenza“. Sembra uno scenario terribile, ma per me c’è sempre speranza.

Il livello di incompetenza non è una cosa fissa. Le competenze si possono acquisire. Le competenze che mancano sono facilmente osservabili e individuabili, giacchè sono spesso legate alla nuova possizione gerarchica più che al loro mestiere. In quest’ottica i lavoratori arrivati a questo punto si possono formare, allenare e monitorare per aiutare loro a diventare di nuovo competenti.

Dopo ogni promozione, ma anche dietro ogni nuova assunzione, si trova un periodo di incompetenza che può essere definitivo o temporaneo in funzione di come lo gestiamo.

Cosa ne pensate, siete d’accordo?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.

perchè non si sforza di più?

Dicono che c’era un saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio. Una volta arrivò da lui una coppia sposata da molti anni che continuava a litigare e a rinfacciarsi ogni cosa. Le loro vite erano intrecciate e non facevano altro che lamentarsi l’uno dell’altro. A sentirli parlare sembrava che non facessero altro che ideare modi in cui farsi la vita impossibile.