il prezzo dei regali

Di nuovo è arrivato dicembre e molti di noi stiamo pensando ai regali di Natale, che sono delle cose con un valore speciale, sia per chi li dona che per chi li riceve, Un valore e un costo che normalmente diamo per scontati, su cui spesso non ci fermiamo a riflettere. E su cui vorrei invitarci a farlo per poter prendere le decisioni in maniera più consapevole.

Un rapporto non solo economico, ma il più olistico possibile, in cui mettiamo il numero più alto di fattori che riusciamo a prendere in considerazione. Potremmo dire che le cose hanno un rapporto costo-beneficio triplo, e vorrei che fossimo consapevoli quando le compriamo, soprattutto quando le regaliamo:

  • il primo è quello al momento dell’acquisto, quello che vedono tutti, quello più ingannosamente semplice da capire e calcolare;
  • il secondo è quello durante la vita utile dell’oggetto, a cui dedicherò un post la settimana prossima;
  • e il terzo è quello al momento di disfarsene, di cui parleremo fra due settimane.

Dicevo che il costo di acquisto è ingannosamente semplice da calcolare perchè è facile confonderlo con il prezzo, dimenticando tante altre componenti, come il tempo dedicato alle ricerche, a studiare i diversi aspetti legati all’oggetto in se e alla concorrenza, ai prezzi nel mercato, le offerte, ecc.

Ma anche il valore dell’oggetto risulta spesso calcolato in un modo ingannoso perchè non sempre ci fermiamo a pensare al valore per la persona a cui lo regaliamo, a quanto lo possa apprezzare, sfruttare o quanto possa averne bisogno, non sempre ci mettiamo nei loro panni.

Il problema più grande si avvera quando regaliamo alle persone che amiamo quello che, secondo noi, dovrebbero avere, per essere quello che crediamo dovrebbero essere. Vi è mai capitato di fare o ricevere regali così?

Cosa pensate? Siete d’accordo con questa riflessione? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.

perchè non si sforza di più?

Dicono che c’era un saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio. Una volta arrivò da lui una coppia sposata da molti anni che continuava a litigare e a rinfacciarsi ogni cosa. Le loro vite erano intrecciate e non facevano altro che lamentarsi l’uno dell’altro. A sentirli parlare sembrava che non facessero altro che ideare modi in cui farsi la vita impossibile.