il padre ricco

Dicono che c’era una volta un padre ricco che, volendo che suo figlio sapesse cosa significa essere povero, gli fece passare una giornata con una famiglia di contadini. Il bambino passò 3 giorni e 3 notti nei campi. Di ritorno in città, ancora in macchina, gli chiese:
– Che mi dici della tua esperienza? Come ti sei sentito? Come ti sei trovato?
– Bene – rispose il bambino….
– Hai appreso qualcosa d’importante? – Insistette il padre:

  1. – Che abbiamo un cane e loro ne hanno quattro.
  2. – Che abbiamo una piscina con acqua trattata, che arriva in fondo al giardino. Loro hanno un fiume, con acqua cristallina, pesci e altre belle cose.
  3. – Che abbiamo la luce elettrica nel nostro giardino ma loro hanno le stelle e la luna per illuminarli.
  4. – Che il nostro giardino arriva fino al muro. Il loro, fino all’orizzonte.
  5. – Che noi compriamo il nostro cibo; loro lo coltivano, lo raccolgono e lo cucinano.
  6. – Che noi ascoltiamo CD… Loro ascoltano una sinfonia continua di pappagalli, grilli e altri animali…
    …tutto ciò, qualche volta accompagnato dal canto di un vicino che lavora la terra.
  7. – Che noi utilizziamo il microonde. Ciò che cucinano loro, ha il sapore del fuoco lento.
  8. – Che noi per proteggerci viviamo circondati da recinti con allarme… Loro vivono con le porte aperte, protetti dall’amicizia dei loro vicini.
  9. – Che noi viviamo collegati al cellulare, al computer, alla televisione. Loro sono collegati alla vita, al cielo, al sole, all’acqua, ai campi, agli animali, alle loro ombre e alle loro famiglie.
    Il padre rimasne molto impressionato dai sentimenti del figlio. Alla fine il figlio concluse:
    – Grazie per avermi insegnato quanto siamo poveri! Ogni giorno, diventiamo sempre più poveri perché non osserviamo più la natura, che è l’opera grandiosa di Dio.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…